Arzano, sfuggì all’arresto: preso elemento di spicco del “clan 167” | VIDEO

Lo hanno trovato seguendo amici e parenti

Hanno atteso un passo falso, sin dall’8 marzo scorso, quando sfuggì ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della direzione distrettuale antimafia partenopea. Seguendo amici e parenti e monitorando il web i carabinieri lo hanno trovato in una palazzina nel cuore di Giugliano in Campania. In manette, Davide Pescatore, 43enne ritenuto elemento apicale del “clan 167” di Arzano.

Pubblicità

L’uomo è indiziato di estorsione aggravata dalle finalità mafiose, commessa insieme ad altre tre persone lo scorso marzo in un bar di Arzano. Quando i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno scoperto quale fosse l’abitazione dove si nascondeva hanno interrotto la circolazione e circondato lo stabile.

Paralizzato il centro storico di Giugliano, monitorato anche dall’alto con un drone, hanno bussato alla sua porta. Pescatore dormiva e non ha opposto resistenza. E’ ora in carcere.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Scooter travolto da furgone, muore 80enne nel Napoletano

Arzano, il conducente del veicolo è stato denunciato per omicidio stradale. La vittima è di Casavatore, il figlio è un noto fioraio di Secondigliano Travolto...

Lo scontro tra i Troncone e gli Scodellaro sullo sfondo dell’agguato a Fuorigrotta

Il dettaglio nell’ordinanza che ha colpito i due indagati per il tentato omicidio in piazza San Vitale Il fermo non è stato convalidato, ma restano...