Uccisa dopo una lite a Napoli, fermata 47enne: parziale confessione e «non ricordo»

È ritenuta gravemente indiziata dell’omicidio di Rosa Gigante

Ha reso una parziale confessione seguita da una serie di «non ricordo» Stefania Russolillo, la 47enne a cui la Squadra mobile di Napoli ieri sera ha notificato, dopo un interrogatorio in questura, il provvedimento di fermo emesso dalla Procura (sostituto procuratore Maurizio De Marco).

Pubblicità

La 47enne, vicina di casa della vittima, è ritenuta gravemente indiziata dell’omicidio di Rosa Gigante, 72enne madre del salumiere-TikToker Donato De Caprio, trovata senza vita nella sua casa nel quartiere Pianura di Napoli.

Il movente, secondo quanto ha raccontato la donna agli investigatori, è legato a futili motivi, pare il furto della posta e altri dispetti che avrebbe subìto, e non è ancora chiaro quale strumento abbia utilizzato per assassinare la 72enne. La Procura di Napoli ha sequestrato la salma (sulla quale sono stati riscontrati tracce di un principio di combustione) per l’esame autoptico.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Anziana drogata, in carcere lo zio di Luigi Caiafa

Fermo convalidato per il 50enne. Richiesta d’arresto anche per i casi degli intossicati con il latte di mandorla alterato Il gip ha deciso per il...

Mozzarella di bufala campana, approvato odg per maggiore tutela e controllo

Presentato dagli onorevoli Cerreto, primo firmatario, Cangiano, Mattia e Ruspandini È stato approvato ieri pomeriggio alla Camera dei Deputati un importante ordine del giorno presentato...