Camorra, il Tribunale del Riesame scarcera Vincenzo Di Lauro

Per i giudici «mancano i gravi indizi di colpevolezza»

Mancanza dei gravi indizi di colpevolezza: il Tribunale del Riesame di Napoli ha disposto la scarcerazione di Vincenzo Di Lauro, figlio di Paolo Di Lauro, capo dell’omonimo clan di Secondigliano, accusato di essere stato il mandante dell’omicidio di Giannino e del tentato omicidio di Magnetti. Vincenzo Di Lauro, difeso dall’avvocato Antonio Abet, è stato scarcerato nella serata di ieri, qualche ora dopo la decisione dei giudici.

Pubblicità

«F2», durante l’interrogatorio di garanzia aveva negato gli addebiti. «Ero già in carcere da tre mesi (il suo arresto risale al 23 marzo 2007) quando ci fu l’omicidio e le mie conversazioni durante i colloqui erano tutte intercettate», ha detto Vincenzo che ha anche negato di avere avuto contatti con chi (un collaboratore di giustizia) lo accusa di avere dato l’ordine di morte.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Uccide madre e sorella della ex, le minacce del finanziere: faccio una strage

Messaggi violenti e un vero e proprio annuncio di morte Una strage annunciata. Una missione di morte ‘comunicata’ dallo stesso autore, il finanziere Cristian Sodano,...

Schiacciato da un macchinario nello stabilimento Stellantis: 52enne senza scampo

Soccorsi tempestivi ma purtroppo inutili È morto mentre i soccorritori provavano inutilmente a salvarlo il 52enne tecnico manutentore che stamattina ha perso la vita nello...