Governo, Giorgia Meloni: ora lotta al calo demografico, servono misure adeguate

Multe da 20 a 60mila euro per gli eco-vandali

Il governo Meloni vara il suo primo Def, tracciando «la politica economica per i prossimi anni, una linea fatta di stabilità, credibilità e crescita», come dice la premier, che guarda già oltre.

Pubblicità

«Dalla prossima legge di bilancio bisogna porsi con concretezza il problema del calo demografico e delle nuove nascite, con misure adeguate», ha chiarito in Consiglio dei ministri, in una riunione che ha deliberato lo stato di emergenza nazionale di 6 mesi per fronteggiare l’incremento dei flussi migratori sulla rotta mediterranea, nonché un disegno di legge contro gli atti di eco-vandalismo sulle opere d’arte (con multe da 20 a 60mila euro, con sanzioni penali) e un altro sulla competitività dei capitali, che fra l’altro semplificherà le norme per accedere alle quotazioni in Borsa.

Il Cdm slitta di un’ora per l’arrivo a Ciampino della salma di Alessandro Parini, il giovane romano vittima dell’attentato a Tel Aviv. Una tragedia che ha tormentato il fine settimana pasquale, animato anche dalle trattative nel centrodestra sulle nomine delle grandi partecipate.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il nodo partecipate

«Sarebbe bizzarro che fosse un solo partito a indicare i nomi a discapito degli altri», il messaggio arrivato all’inizio di giornata dalla Lega, segno che il dossier ha comunque prodotto tensioni. Giorgia Meloni non retrocede dalle sue idee. Ed è sua anche la proposta, approvata dal Cdm, di avviare la procedura per la nomina di Gabriella Alemanno (ex vice direttore dell’Agenzia delle entrate, sorella di Gianni, ex sindaco di Roma) e di Federico Cornelli a componenti della Consob. Non sta filando liscia la conferma di Gian Carlo Blangiardo alla presidenza dell’Istat (sostenuta soprattutto dalla Lega), che molti nel centrodestra danno quasi tramontata perché manca la maggioranza qualificata per il parere vincolante.

Il livello di natalità al minimo storico e il Def

Proprio l’Istat ha appena certificato il livello di natalità al minimo storico (sotto 400mila nascite nel 2022), dato che preoccupa Palazzo Chigi. Nella prima manovra, Meloni ha voluto il quoziente familiare in alcune misure, per la prossima punta a un salto di qualità. Lo ha chiarito ai ministri, mentre il governo varava il Documento di economia finanziaria con uno scenario tendenziale con il Pil al +1% (mentre per il Fmi crescerà nel 2023 dello 0,7%) e il deficit che si attesterà al 4,5%.

«Rivediamo al rialzo con responsabilità le stime del Pil – spiega Meloni – e proseguiamo il percorso di riduzione del debito pubblico. Sono le carte con le quali l’Italia si presenta in Europa». Nel governo, però, c’è chi spinge sulle pensioni. La ministra del Lavoro, Marina Elvira Calderone, avrebbe fatto un appello ai colleghi su questo tema. E in mattinata Riccardo Molinari ha chiarito che la Lega «non si accontenta di una proroga della quota 103», che l’obiettivo resta quota 41 ma che «con pochi miliardi quota 41 non si fa, questo è chiaro».

Leggi anche:  Conte per strappare il Sud a De Luca dice «no» all’autonomia

Un altro fronte in cui c’è disallineamento nel centrodestra è quello dei balneari, con Lega e FI che sollecitano il governo ad accelerare sulla mappatura delle concessioni e sulla creazione del tavolo interministeriale.

Lo stato di emergenza per l’accoglienza dei migranti

Nel giro di una settimana è maturata invece la decisione sullo stato di emergenza per l’accoglienza dei migranti, «per dare risposte più efficaci e tempestive alla gestione dei flussi», chiarisce Meloni. C’è l’ipotesi di un commissario. Intanto arrivano 5 milioni di euro.

Si punta a procedure e azioni più veloci per offrire ai migranti soluzioni di accoglienza in tempi brevi con adeguati standard, aumentare e rafforzare i Cpr, potenziando le attività di identificazione ed espulsione. Inserito nell’ordine del giorno a ridosso della riunione, è stato anche approvato il disegno di legge contro gli eco-vandali, voluto dal ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, dopo gli ultimi blitz alla fontana Barcaccia di Roma e a Palazzo Vecchio a Firenze. In poco meno di un’ora e mezza, ha fatto capolino anche il caso del runner ucciso da un orso in Trentino: Matteo Salvini ha sollevato il tema dello spray anti-aggressione ad hoc per i plantigradi, sottolineando che è già in uso in altri Paesi.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Ragazzo precipita dal terzo piano mentre era a scuola: in prognosi riservata

Si tratterebbe di un gesto compiuto volontariamente Un ragazzo di 14 anni è ricoverato in prognosi riservata presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria delle Marche, dopo essere...

Ricoverato in gravi condizioni dopo un incidente: addio a un giovane arbitro

Fabio Buoninsegni è deceduto dopo qualche giorno di agonia Era rimasto vittima di un incidente stradale mentre tornava a casa. Il giovane arbitro di calcio...