Manovra, obiettivo natalità: a gemelli assegno rafforzato

Fisco, pensioni, aiuti per caro-energia: tutte le misure

Un nocciolo duro di misure destinate a tutelare famiglie e imprese dal caro-energia. E poi un corollario fatto di interventi di diversa natura. E’ il menu che andrà a comporre la manovra di bilancio, per la quale il governo potrebbe mettere sul piatto circa 30-32 miliardi. Si va dalle pensioni, con la necessità di superare la legge Fornero; alla “tregua fiscale”, da cui dovrebbe essere escluso lo scudo per i capitali all’estero; dal fisco, con la flat tax in una doppia versione ma solo per gli autonomi; fino ai sostegni alla natalità.

Pubblicità

Sostegno alla natalità

Attesa in manovra la revisione dell’assegno familiare, con la ministra per la Famiglia Eugenia Roccella che propone di raddoppiare da 100 a 200 euro la maggiorazione per i nuclei con 4 o più figli e di garantire 100 euro in più per i figli gemelli. Si cercano anche fondi per poter rendere strutturale il finanziamento dei centri estivi. Possibile poi la riassegnazione di risorse non spese per la certificazione del parità di genere e il rifinanziamento di centri anti-violenza e case rifugio.

Mix di aiuti contro il caro-bollette

Alla voce energia saranno destinati i due terzi delle risorse, partendo dalla base dei 21 miliardi in deficit. Allo studio c’è un “mix di aiuti”, spiega il sottosegretario all’economia Federico Freni, per coprire i primi tre mesi del 2023: in parte confermando lo sconto benzina, il bonus sociale ed i crediti di imposta, in parte pensando a ristori specifici per alcuni settori. Allo studio anche un fondo unico di supporto al fabbisogno energetico, da gestire con aiuti selettivi.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Pensioni, l’avvio di ‘quota 41’

Per evitare il ritorno della legge Fornero, la soluzione ponte per il 2023 dovrebbe essere una combinazione fra 41 anni di contributi e 61 o 62 di età. Le risorse arrivano dalla stretta sul Reddito di cittadinanza (l’ipotesi, tre anni in tutto, con l’assegno intero assicurato solo per 18 mesi).

Flat tax e taglio del cuneo

Sulla ‘tassa piatta’ è previsto l’innalzamento della soglia attuale per gli autonomi (da 65mila a 85mila euro), mentre si valuta l’introduzione della flat tax incrementale ma solo per gli autonomi. Per i dipendenti invece si studia la riduzione della tassazione sui premi di produttività. Sul cuneo la manovra dovrebbe limitarsi a replicare il taglio di 2 punti introdotto dal governo Draghi, per un costo di 3,5 miliardi.

Tregua fiscale, salta lo ‘scudo’

Per le cartelle fino al 2015 si va verso la cancellazione di quelle sotto ai mille euro e il pagamento con mini sanzione per quelle sopra i 3mila; ci sarebbero problemi di copertura per quelle tra mille e 3mila euro (che si volevano dimezzare). Non verrebbe proposta invece la ‘voluntary disclosure’ sui capitali all’estero.

Leggi anche:  Giustizia, Commissione Senato apre ai test psicoattitudinali per i magistrati

Cambia la norma sugli extraprofitti

La revisione allo studio prende come riferimento il regolamento Ue, misurando gli extraprofitti sugli utili e alzando l’aliquota dal 25% almeno al 33%.

Nodo crediti superbonus

Lo sblocco della cessione dei crediti del superbonus è ancora un nodo aperto e non si esclude che venga risolto nella legge di bilancio, anziché nel dl aiuti quater, di cui ancora si attende la pubblicazione in Gazzetta.

Bonus tv e aiuti alle imprese

Possibile il rifinanziamento dei due contributi già esistenti con altre risorse per 100 milioni. Allo studio anche altre misure per le imprese, dal rifinanziamento della ‘nuova Sabatini’ all’ipotesi di un fondo per la tutela del made in Italy.

Tetto al contante e cedolare secca

Dal primo gennaio sale da 2mila a 5mila euro. Tra le ipotesi c’è anche la cedolare secca per gli affitti dei locali commerciali.

Ponte sullo Stretto

Per poter far ripartire l’iter, viene riattivata la società Stretto di Messina, in liquidazione da 9 anni.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Voto di scambio a Bari: indagata assessore regionale Pd in Puglia

Anita Maurodinoia sarebbe coinvolta nell'inchiesta che ha portato a 130 arresti L’assessora ai Trasporti della Regione Puglia, Anita Maurodinoia (Pd), sarebbe tra gli indagati per...

Camorra, scommesse clandestine per il clan D’Alessandro: 7 arresti | Video

Sei agenzie sequestrate Camorra e scommesse clandestine, 7 arresti e sequestrate 6 agenzie. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno...