Federproprietà Napoli

«In Campania oltre 11mila aziende a rischio chiusura per il caro energia»

Pubblicità

Confesercenti Campania: «40mila lavoratori rischiano la disoccupazione»

Allarme di Confesercenti Campania: oltre 11mila aziende sono a rischio chiusura e 40mila lavoratori rischiano la disoccupazione a causa del caro energia. E’ quanto emerge dallo studio dell’Osservatorio di Confesercenti.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«La situazione è molto complicata – spiega il presidente di Confesercenti Campania, e vicepresidente nazionale con delega al Mezzogiorno, Vincenzo Schiavo – secondo la stima del nostro Osservatorio, tenendo conto anche dei nuovi rincari del costo dell’energia e del gas attesi purtroppo per ottobre, le attività nella nostra regione a rischio chiusura, entro dicembre, sono ben 11.300. Tremila ristoranti sui 16mila in totale presenti in Campania rischiano di dover chiudere i battenti, lo stesso dicasi per 6000 bar (sui 30mila esistenti) che potrebbero non riuscire a far fronte a tali spese. Situazione difficile pure nel settore alberghiero: secondo le nostre stime 300 Hotel (su 1600) e 2000 Bed&Breakfast (su 10mila) rischiano la chiusura entro fine anno. Un dramma assoluto che coinvolgerebbe, per di più, oltre 40mila lavoratori».

«Solo le attività che stanno facendo il pienone – avverte Schiavo – possono infatti permettersi di pagare sino a 10mila euro di energia elettrica a fronte dei 2000 euro in media che pagavano prima. Il rincaro del 400% può essere sostenuto a Napoli, ad esempio, solo dai locali del lungomare o del centro storico. Per tutte le altre attività di zone meno centrali o della provincia, dove non si sono registrati tali utili, gli imprenditori dovranno compiere una scelta, ovvero se pagare tali spese o gli impiegati, se far fronte a tali costi energetici mostruosi o sostenere le spese del fitto del locale».

Da qui la richiesta: «interventi immediati sia del Governo Draghi uscente che di quello che verrà formato dopo le elezioni e che, presumibilmente, sarà operativo solo a novembre. Chiediamo con forza che l’attuale Governo compia un’azione immediata, sospendendo o tagliando tali costi, con sostegni e altri interventi».

Leggi anche:  Armi all'Ucraina, scacco matto di Giorgia Meloni: passa la mozione della maggioranza
Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Pompei, rubano il marsupio del parroco: denunciate due rom

Durante i controlli della polizia Due giovani di origini rom sono stati denunciati per concorso in furto aggravato. Avrebbero rubato il marsupio del parroco di...

Ambiente, Fratelli d’Italia lancia la campagna ‘Spiagge Pulite’. Un gelato in cambio di rifiuti

«Un agosto da patrioti per Fratelli d’Italia e un modo per amare la propria patria e difendere l’ambiente, da tanti anni ormai sono tante...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook