Federproprietà Napoli

Camorra, il boss Giuseppe Setola condannato a 30 anni di carcere

Pubblicità

Stessa pena per altri quattro storici affiliati dei Casalesi

Il giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Napoli Gianluigi Visco ha condannato a 30 anni di carcere, per un omicidio del febbraio 1999, il capo dell’ala stragista del clan dei Casalesi Giuseppe Setola, e altri quattro storici affiliati della cosca casertana, ovvero Alessandro Cirillo, Mario Cavaliere e Giovanni Russo. Dieci anni, invece, la pena inflitta al collaboratore di giustizia Domenico Bidognetti.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Sono stati poi assolti Giuseppe Dell’Aversano, Francesco Cavaliere e Giovanni Simonelli. L’omicidio è quello di Luigi Mosvaldo Caterino, maturato nell’ambito della faida di fine anni novanta tra i gruppi Bidognetti, di cui faceva parte Setola, e i Cantiello-Tavoletta.

Proprio Setola confessò di essere stato uno dei mandanti del delitto, l’altro è stato riconosciuto in Domenico Bidognetti, cugino del boss Francesco Bidognetti noto come “Cicciotto e mezzanotte” divenuto poi collaboratore di giustizia. Il delitto, è emerso dal processo, p stato commesso materialmente da Cavaliere mentre Russo avrebbe fatto da specchiettista. Nel collegio difensivo gli avvocati Paolo Di Furia, Elena Schiavone, Mirella Baldascino e Tammaro Diana.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Ponte sullo Stretto, Drago e Ferro (FdI): «Opera strategica: governo Draghi ci ripensi e dia un segnale concreto al Sud Italia»

La senatrice Tiziana Drago e la deputata Wanda Ferro, di Fratelli d’Italia, lanciano un appello al governo Draghi per quanto riguarda l’essenzialità di un’opera...

Napoli, focolaio Covid-19 all’ospedale di Boscotrecase. Il dg Sosto (Asl Na3 Sud): «Dato in linea, nessuna falla»

C'è preoccupazione al Covid Center di Boscotrecase, in provincia di Napoli, dove tra il personale del nosocomio si registrano circa 30/40 casi del nuovo...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook