Cave, scempio nel Parco del Partenio: 4 senatori interrogano Franceschini

“In atto devastazione ambientale, paesaggistica e archeologica”

Urge da parte del ministero della Cultura, “un provvedimento di tutela per le montagne Cancello, Polvica, Sant’Angelo a Palomba, Fellino e Maio per evitare la completa distruzione e la perdita definitiva dei caratteri di bellezza naturale, singolarità geologica, memoria storica ma anche delle qualità panoramiche di quelle alture”.

Pubblicità

Lo sottolinea la senatrice Margherita Corrado, esponente della commissione cultura di Palazzo Madama, in una interrogazione al ministro Franceschini sottoscritta dai senatori Angrisani, Granato, Lannutti e Morra.

Oggetto della richiesta, spiega la Senatrice del gruppo misto, “la devastazione ambientale, paesaggistica, archeologica e storica in atto da decenni nel Parco regionale del Partenio (Avellino) a causa delle cave di Polvica-Fellino”.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Dopo la distruzione “di almeno tre insediamenti del Paleolitico superiore, noti come Riparo del Fellino (o “Grotta della Pietra dell’acqua”), Grotta di S. Stefano e Grotticella del Vallone Futo”, scrivono i senatori, “siamo preoccupati per la conservazione della villa rustica in località Montano Ferrara (IV secolo a.C.), a Polvica, e per l’eccezionale cittadella religiosa osco-sannitica sulla cresta del monte Sant’Angelo, a Palomba, entrambe in comune di San Felice a Cancello (CE), come pure per l’incolumità della torre medievale del Fellino e della settecentesca Casina di caccia dei duchi Mastrilli, ricadenti in territorio di Roccarainola (NA)”.

Da qui la richiesta di un intervento di tutela da parte del ministero della cultura, mentre al ministro della Transizione Ecologica Cingolani si chiede di intervenire sulle cave, inserite in un’area protetta, per accertare i danni ambientali e avviare “i necessari programmi di ricomposizione ambientale”.

Setaro

Altri servizi

Un nuovo clan tra le province di Salerno e Napoli: 36 misure cautelari

Il gruppo criminale si era autodefinito «Famiglia» Un nuovo clan tra le province di Salerno e Napoli, con a capo un pregiudicato per camorra. Questa...

Armi e droga in casa: intera famiglia indagata nel Napoletano

Tre persone sono state arrestate, una denunciata A Pomigliano d’Arco (Napoli) i carabinieri della locale stazione hanno effettuato un blitz in un’abitazione di via Mauro...