Vladimir Putin ‘avvisa’ la Finlandia: «Entrare nella Nato un errore»

Ma intanto la Duma minaccia: «Missili Kinzhal possono raggiungere il territorio finlandese in 20 o 10 secondi»

Per la Finlandia abbandonare la politica della neutralità sarebbe un «errore». E’ quanto ha affermato il presidente russo Vladimir Putin nel corso della telefonata con il presidente finlandese Sauli Niinisto. Putin – citato dalla Tass – ha aggiunto che «non esistono minacce alla sicurezza di Helsinki» e che il suo ingresso nella Nato potrà «influenzare negativamente le relazioni con la Russia».

Pubblicità

La Finlandia ha ribadito invece che intende aderire alla Nato perché la situazione della sicurezza del Paese è stata «fondamentalmente alterata» dalla «massiccia invasione dell’Ucraina» da parte dei russi. Lo ha detto il presidente finlandese Sauli Niinisto nella sua conversazione telefonica di oggi secondo quanto riferisce un comunicato della presidenza di Helsinki. Con l’ingresso nella Nato la Finlandia «si assume le proprie responsabilità» e «in futuro intende farsi carico in modo corretto e professionale delle questioni pratiche che derivano dal fatto di essere un vicino della Russia».

Ma intanto dalla Duma arriva un avvertimento

La Russia potrebbe colpire la Finlandia con un missile ipersonico in soli 10 secondi. Lo avrebbe affermato uno dei più stretti alleati di Vladimir Putin, secondo quanto riportano i tabloid britannici.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Se la Finlandia aderisse alla Nato rafforzeremmo in maniera massiccia la nostra presenza militare sul fianco occidentale – ha detto il vicepresidente della commissione Difesa della Duma, Aleksey Zhuravlyov – e al confine piazzeremmo missili Kinzhal che possono raggiungere il territorio finlandese in 20 o persino 10 secondi». Zhuravlyov ha anche rilanciato le minacce a Londra: «Con i missili Sarmat dalla Siberia colpiremmo il Regno Unito in 200 secondi».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Elezione diretta del premier, la memoria corta della sinistra

Il diritto degli italiani di scegliere da chi farsi governare, Occhetto la definì come la «grande riforma» In principio vi fu il presidenzialismo in cima...

Ex Ilva, il ministro Urso: ingresso nuovi partner entro il 2024

Incontro con la vicepresidente della Commissione Ue per il prestito ponte da 320 milioni di euro Per Acciaierie d’Italia inizia la fase due: creare le...