Metaverso ovvero prospettiva Alexander Platz

I vuoti a perdere (gli avatar) non possono riempirsi se non nichilisticamente

Ciò che l’Ucraina ci sta consegnando, al netto di una sceneggiata drammaturgia, è un plot senza più la narrazione di uomini e valori, poiché i vuoti a perdere (gli avatar) non possono riempirsi se non nichilisticamente. Zelensky e Putin appaiono come due attori senza più futuro.

Pubblicità

In questa dinamica emerge e si afferma il nulla, che non può dare speranza di fronte alla tragedia del noi, così vissuto disperatamente. Si delinea una tragedia senza più sbocchi, soluzioni, creatività. È la fine che passa attraverso il comunismo che crolla anche nei suoi derivati epigoni, quelli che avvertono paure in un’atmosfera «fin de siècle», senza, però, riuscire a coltivare un’idea di prospettiva.

Ovvero oggi Putin è la sintesi finale del fallimento comunista in salsa capitalista, laddove la tecnica afferma la viltà dell’uomo in via di esaurimento. Mentre Zelensky è l’attore, da un passato minimo, che, in una pura rappresentazione cinematografica, racconta il vissuto in una serie tv. Questo è il passaggio che corrisponde a un periodo avvertito dai suoi protagonisti come l’espressione del crollo di un sistema di valori e di un modello di vita, e, allo stesso tempo, come l’alba di una nuova epoca, che ci appare surreale perché inavvertita e subdola, in cui si mischia ignoranza e delirio, mediocrità ed ipertrofia dell’io, insomma l’estinzione della politica.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Controlli in mare, verifiche su 353 natanti con 100 sanzioni

Nel corso del fine settimana, disposti dalla Prefettura di Napoli, sono stati svolti serrati controlli nel golfo di Napoli da parte della Capitaneria di...

Governo, il ministro Calderone: «Dichiariamo guerra al caporalato»

La prima strada che si intende percorrere per fermare la strage è l’aumento dei controlli L’orrore per la morte di Satnam Singh, il bracciante abbandonato...