Federproprietà Napoli

De Luca ora ci ‘prova’ con i profughi ucraini: «Potremmo offrire lavoro stagionale»

Pubblicità

Il governatore vuole offrire ai rifugiati i lavori «nel settore alberghiero, nell’agricoltura»

«La convenzione con gli alberghi per l’accoglienza dei profughi dall’Ucraina è la cosa più ragionevole da fare. E’ inutile andare a cercare nei vari comuni, abbiamo tanti alberghi vuoti. Speriamo solo che sia a spese del Governo, si parte sempre con gli impegni e poi alla fine fa sempre la Regione». Lo ha detto il Governatore della Campania Vincenzo De Luca rispondendo alle domande dei giornalisti a margine della visita all’azienda Tme di Portico di Caserta.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Con i profughi – ha proseguito De Luca – potremmo realizzare anche un’operazione di carattere sociale: la scorsa estate facevamo fatica a trovare lavoratori stagionali nel settore alberghiero, nell’agricoltura, ora possiamo dare ai profughi ospitalità e un lavoro stagionale con un reddito significativo per tante famiglie. E’ però necessario che la doverosa accoglienza sia fatta con attenzione agli aspetti sanitari, in quanto la stragrande maggioranza degli ucraini in fuga dalla guerra vengono ospitati direttamente da amici e parenti, per cui chiediamo a queste famiglie di controllare i profughi che in larga misura non sono vaccinati o hanno problemi di altri tipo».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Sicilia, Nicosia (IDES): «Presidente Musumeci, perché perdere i benefici del sismabonus per un’incongruenza?»

Da Ides, Identità siciliana, riceviamo e pubblichiamo. Lo scorso 9 Marzo l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Caltanissetta ha inviato alla Presidenza della Regione Siciliana...

Scuola, Fratelli d’Italia: «Maggioranza boccia proroga contratti personale covid»

Il loro contratto è in scadenza il prossimo 31 marzo «I lavoratori assunti con il cosiddetto Contratto COVID hanno svolto un ruolo essenziale per mandare...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook