Federproprietà Napoli

Arzano, agguato davanti un circolo ricreativo: due persone ferite

Pubblicità

Il ferimento è avvenuto in via dell’Annunziata

Due persone sono state ferite con colpi di pistola in un agguato avvenuto alle 20.30 circa ad Arzano nel Napoletano. Secondo quanto si è appreso il ferimento è avvenuto in via Roma davanti ad un circolo ricreativo. I due, Antonio Alterio, 28enne, già noto alle forze dell’ordine, e Daniele Laperuta, 32enne, sono stati portati all’ospedale di Frattamaggiore ma le loro condizioni non sono gravi. Sono stati colpiti entrambi a un piede. Sul posto sono giunti i carabinieri per ricostruire quanto accaduto e hanno rivenuto al momento 9 bossoli cal. 9×21.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Di nuovo si spara ad Arzano. Ci sarebbero dei feriti nella sparatoria di stasera. Abbiamo acceso i riflettori sulla guerra tra i clan della camorra nell’area Nord di Napoli che parte dalla 167 di Arzano e che coinvolge più comuni dove vivono i camorristi dei clan in lotta» afferma il Comitato di liberazione dalla Camorra Area Nord di Napoli.

«Come Comitato di liberazione dalla camorra abbiamo chiesto una maggiore presenza delle forze dell’ordine sui territori, la videosorveglianza. Abbiamo chiesto, inoltre, di cacciare le famiglie della camorra che occupano illegalmente le case popolari. E come se a loro non importasse nulla. Noi chiediamo allo Stato di insistere. Liberiamo i nostri territori dalla camorra».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Maradona, il legale: «Diego dodici ore senza cure. Idiozia criminale»

«L'ambulanza ha tardato oltre mezz'ora ad arrivare, è stata un'idiozia criminale». Matias Morla, legale e agente di Diego Armando Maradona, denuncia ritardi nei soccorsi...

Covid-19, Ferro (FdI): «Da Governo ottusità politica non più giustificabile»

Aiuti economici e misure restrittive per l'emergenza Covid-19 in Italia ancora sotto il fuoco di fila di esponenti politici di Fratelli d'Italia, unico partito...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook