Soldi per sanare abusi ad Ercolano, il gip: «Un vero e proprio sistema criminale»

Dalle indagini è emerso pure il «tariffario»

C’era ad Ercolano, «un vero e proprio sistema criminale che rinviene il suo fulcro e la mente criminale proprio in Francesco Tempesta che contamina da molto tempo le attività amministrative concernenti la gestione delle pratiche edilizie nel comune di Ercolano con la costante partecipazione e collaborazione del geometra Rocco». Lo sottolinea il gip di Napoli Nicoletta Campanaro nell’ordinanza con la quale ha disposto i domiciliari per un luogotenente della polizia municipale di Ercolano, Francesco Tempesta, di 59 anni, in servizio nel settore antiabusivismo edile, e un geometra Vincenzo Rocco, di 42 anni.

Pubblicità

Indagate anche altre due persone

Dalle indagini emerge che i due chiedevano 500 euro, d’anticipo, per dissequestrare delle opere abusive; la stessa somma, sempre come anticipo, per il nullaosta alla realizzazione della copertura di un capannone e 1500 euro per evitare ispezioni dei tecnici del comune e della polizia municipale relativamente a dei lavori in un risto-pub. Insieme ai due arrestati risultano indagate altre due persone: un altro agente della Municipale e un architetto dell’ufficio tecnico del Comune, per i quali il giudice non ha ritenuto di dover emettere delle misure cautelari.

Secondo il giudice per le indagini preliminari della 33esima sezione del Tribunale di Napoli, i fatti emersi dall’attività investigativa dei militari dell’Arma, sono «gravissimi», sia per la «costante strumentalizzazione della funzione», sia «per i danni inevitabilmente arrecati al buon andamento della pubblica amministrazione oltre che al regolare assetto urbanistico del territorio». Nell’ordinanza viene anche evidenziata la natura seriale dei reati contestati, il carattere organizzato e preordinato della loro condotta «posta in essere con la complicità di soggetti compiacenti, e, infine, «le modalità anomale» con cui gli indagati «si incontravano fuori dall’orario di lavoro, in luoghi appartati, nella certezza di poter coltivare un rapporto in modo segreto, scambiandosi notizie riservate e buste di denaro».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Invita una turista per un drink e la stupra: 32enne tunisino arrestato in Sicilia

Le violenze sarebbe avvenute a Sorrento l'estate scorsa Avrebbe violentato in strada una giovane conosciuta da poco, dopo averla condotta con un pretesto in un...

Violenza sessuale su 11enne disabile: in manette un 64enne

L'uomo avrebbe approfittato di lei mentre l'accompagnava al centro riabilitativo Orrore a Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli. Qui personale della Sezione di Polizia...