Federproprietà Napoli

Società fittizie per emettere fatture false e frodare il fisco: sequestrati 5 milioni di euro

Pubblicità

Indagati un imprenditore e un commercialista

Avrebbero emesso fatture false per gonfiare i bilanci e frodare il fisco. È l’accusa contestata a un imprenditore attivo nel settore della logistica all’interno dell’«Interporto Sud Europa» di Marcianise (Caserta) e un commercialista cui oggi la Guardia di Finanza ha sequestrato somme per cinque milioni di euro.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I finanzieri hanno anche notificato all’imprenditore e al professionista le misure cautelari del divieto di esercitare l’attività di impresa e di assumere uffici direttivi all’interno di persone giuridiche (per il primo) e del divieto di svolgimento dell’attività professionale (per il commercialista); i provvedimenti sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura partenopea, che ha coordinato le indagini.

Dagli accertamenti svolti dai finanzieri della Compagnia di Marcianise, è emerso che i due indagati avrebbero gestito, attraverso prestanome, numerose società fittizie in tutta Italia mediante le quali emettevano fatture per operazioni false; avrebbero in particolare utilizzato in compensazione crediti di imposta inesistenti legati al consumo di carburante dell’azienda operante nel settore della logistica, avrebbero presentato in passato diverse denunzie di furto della documentazione societaria e avrebbero inserito voci false nei bilanci della società al fine di accedere al credito bancario, rappresentando una condizione societaria migliore di quella effettivamente esistente.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Covid-19, incontro al Mise. Le aziende: «Pronti a produrre principio attivo in sei mesi»

Al Ministero dello Sviluppo economico si è svolta la seconda riunione tra il ministro Giancarlo Giorgetti, il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, del direttore...

Sfregiate con l’acido, la zia si difende: «Non l’ho lanciato io, volevo picchiarle col casco»

La donna si trova nel carcere di Pozzuoli «Ero presente ma non ho lanciato io l'acido, volevo picchiarle col casco». Ha risposto alle domande del...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook