Federproprietà Napoli

Foto in costume per lavoro da receptionist, azienda multata per violazione del divieto di discriminazione

Pubblicità

L’amministratore della società ha ammesso l’errore

Una multa da 10mila euro per aver chiesto in un annuncio per una lavoro da receptionist una foto in costume delle candidate: l’ha comminata l’Inl (Ispettorato nazionale del lavoro) all’azienda di Napoli che ha pubblicato l’annuncio. La sanzione è ridotta a un terzo se si paga immediatamente.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Martedì 25 gennaio – ricorda l’Inl – una società di Napoli ha pubblicato sul web un annuncio di ricerca di personale rivolto esclusivamente a candidate di sesso femminile, contenente la richiesta di bella presenza e l’invio di una foto a figura intera “in costume da bagno o similare”. Giovedì 27, a seguito della segnalazione del Ministro Andrea Orlando, il Direttore dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, Bruno Giordano, ha immediatamente attivato l’Ufficio di Napoli, che è subito intervenuto per la rimozione dell’annuncio dal web».

«Gli ispettori del lavoro hanno comminato la sanzione amministrativa prevista per la violazione del divieto di discriminazione nell’accesso al lavoro (art. 27 del D. Lgs. 198 del 2006 – Codice delle pari opportunità). L’amministratore della società – conclude l’Inl – ha ammesso l’errore e rimodulato il testo dell’inserzione, conformemente alla normativa vigente in materia di pari opportunità».

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Sport, Moretta (Commercialisti): «Nuovi modelli organizzativi per prevenire infiltrazioni»

«L’applicazione della legge 231/2001 alle società sportive, in particolare quelle operanti nel mondo del calcio, impone l’adozione di nuovi modelli organizzativi per tutelare le...

In vacanza a Ischia per il «ponte» ma doveva scontare 2 anni: preso

In manette un 55enne napoletano Era in vacanza ad Ischia per il ponte di Ognissanti ma doveva scontare 2 anni e 8 mesi di reclusione...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook