Quirinale, la quarta votazione fallisce prima di cominciare

Ancora in stallo le trattative per l’elezione del Presidente della Repubblica

La quarta «chiama» per l’elezione del Presidente della Repubblica è destinata a fallire ancora prima di cominciare. A poche ore dall’inizio del voto i leader del Pd Enrico Letta, del M5s Giuseppe Conte e di Leu Roberto Speranza hanno fatto sapere che la loro coalizione voterà ancora una volta scheda bianca.

Pubblicità

Se nel Centrosinistra non si ride, nel Centrodestra la situazione non cambia e ha «ha deciso di proporre la disponibilità a votare un nome di alto valore istituzionale. Per consentire ai grandi elettori di tutti i gruppi di superare veti e contrapposizioni – e convergere per dare all’Italia un nuovo presidente della Repubblica – la coalizione ha deciso di dichiarare il proprio voto di astensione nel voto odierno. Il centrodestra è pronto a chiedere di procedere domani con la doppia votazione». Così in una nota comune del centrodestra.

«L’astensione nel voto odierno – si spiega ancoa – significa che io grandi elettori del centrodestra risponderanno alla chiama, si avvicineranno alla presidenza e diranno ai segretari astenuto senza ritirare la scheda. Dopo aver annunciato l’astensione i grandi elettori usciranno dall’Aula senza passare dalla cabine».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Torre Annunziata, Alfano incontra i commercianti: «Città per rinascere ha bisogno di competenza»

Il candidato sindaco: «Serve l’ordinarietà, dal decoro urbano ai servizi» Il candidato sindaco di Torre Annunziata per l’«Alleanza Straordinaria», professor Carmine Alfano, ha incontrato i...

Concorso esterno in associazione mafiosa: assolti i fratelli Diana

Per i figli di Mario Diana assoluzione perché «il fatto non sussiste» Assoluzione con formula piena - «il fatto non sussiste» - per i fratelli...