Federproprietà Napoli

Bimbo di 2 anni morto annegato a Torre del Greco. La madre ha provato a suicidarsi

Pubblicità

Indagini per capire se sulla morte del piccolo possano esserci responsabilità della mamma

Un bimbo di due anni e mezzo è morto annegato nella tarda serata di ieri a Torre del Greco. È accaduto nella zona della Scala, a ridosso dell’area portuale della città vesuviana. Stando a una prima ricostruzione, il bambino sarebbe stato notato in acqua dopo che alcuni presenti avevano bloccato una donna che minacciava di suicidarsi. Alcuni presenti a questo punto si sarebbero tuffati in acqua per recuperare il piccolo: è stato riportato a riva ma i soccorsi sono stati inutili. In seguito è stato accertato che la donna è la madre del bambino.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La salma del piccolo è stata posta sotto sequestro e ora è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Un atto dovuto, in attesa di conoscere gli esiti delle indagini sul caso e per capire se sulla morte del bimbo possa esserci qualche responsabilità della madre. A quanto si apprende, la donna sarebbe ora presso la caserma dei carabinieri della locale compagnia (che indagano sulla tragedia) per essere ascoltata dagli inquirenti.

Da ciò che si apprende, mamma e figlio sarebbe entrambi di Torre del Greco. Gli inquirenti hanno disposto anche il sequestro della parte della spiaggia prospiciente la porzione di mare dove è stato recuperato il corpo senza vita del piccolo.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Fallisce il blitz di FdI alla Camera sul Mes. Ma nel M5S è alta tensione

Per un attimo ieri a Montecitorio è sembrato di essere tornati a qualche mese fa, quando l’epidemia di Covid-19 non era ancora scoppiata e...

Sicilia, finte assunzioni per ottenere permessi di soggiorno e indennità: 246 indagati nel Trapanese

Truffa aggravata e continuata, in concorso, ai danni di enti pubblici e reati in materia di falso. Queste le accuse che hanno portato al...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter