Dichiarano redditi modesti ma hanno 6 appartamenti: sequestrato patrimonio da 1,2 milioni di euro

Il consistente patrimonio di mobili e immobili sproporzionato rispetto ai redditi percepiti

Possedevano 6 appartamenti e rapporti con 5 banche. Marito e moglie insieme, però, non potevano giustificare il consistente patrimonio posseduto e per questo, il Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata (Napoli) ha dato esecuzione oggi a un sequestro preventivo dei beni della coppia per 1,2 milioni di euro.

Pubblicità

Il provvedimento è stato firmato dal procuratore, Nunzio Fragliasso, nei confronti di una donna di Castellammare di Stabia, già condannata per usura ed estorsione, e del suo nucleo familiare. L’accertamento patrimoniale svolto dai finanzieri della Compagnia di Castellammare di Stabia ha permesso di stabilire che il consistente patrimonio di mobili e immobili dei due coniugi fosse sproporzionato rispetto ai redditi percepiti dalla coppia e dichiarati al Fisco.

Infatti, tra il 1997 e il 2019 la donna non ha presentato alcuna dichiarazione dei redditi, nel 2013 dichiarò un modesto reddito da lavoro dipendente. Secondo il Tribunale, insieme avrebbero dichiarato redditi «inidonei al sostentamento familiare e incompatibili con qualsivoglia possibilità di accantonamento e risparmio». Da qui la proposta della Procura di applicare la misura di prevenzione, accolta dal Tribunale di Napoli. Sequestrati quindi 6 unità immobiliari, un’autovettura e tutti i conti in banca dei due coniugi per il valore di 1,2milioni di euro.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Napoli, uomo spara dalla finestra di casa: bloccato dalla polizia

Scoppia il panico, le mamme vanno a prendere figli a scuola Paura a Ponticelli, quartiere alla periferia di Napoli, dove un uomo, poco fa, ha...

Voragine in via Morghen, la Procura apre un fascicolo d’indagine

L'assessore Cosenza: «carenza di manutenzione negli ultimi decenni» La Procura sta coordinando i primi accertamenti avviati per fare luce sulle cause della voragine in via...