Federproprietà Napoli

Le mani dei D’Alessandro sul mercato ittico e il trasporto infermi: sequestrate 4 aziende

Pubblicità

Avrebbero fittiziamente intestato le ditte a un prestanome

Società apparentemente ‘pulite’, ma gestite dalla camorra. È quanto scoperto da un’indagine condotta dai carabinieri e coordinata dalla Dda partenopea. Quattro le aziende sequestrate, del valore complessivo di circa quattro milioni di euro, tre delle quali impegnate nel commercio ittico e una di servizi di ambulanza.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I militari della Compagnia di Castellammare di Stabia e del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno eseguito il decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Napoli che riguarda l’intero complesso aziendale e le quote del capitale sociale delle società. Le investigazioni hanno permesso di raccogliere gravi elementi indiziari circa la gestione monopolistica del clan D’Alessandro, a partire dal 2011, del trasporto degli infermi nel territorio di Castellammare di Stabia e della fornitura all’ingrosso di prodotti ittici nell’area stabiese.

Elementi di vertice del gruppo camorristico avrebbero fittiziamente intestato una ditta di trasporto infermi a un prestanome, mentre direttamente si occupavano dell’attività economica e dei relativi profitti. Stesso scenario anche per le società di commercio di pesce e di frutti di mare.

Con violenza e minacce, i D’Alessandro avrebbero assunto una posizione di leadership incontrastata imponendo ai titolari delle pescherie e agli imprenditori del settore forniture a prezzo maggiorato e senza possibilità di reso non solo di prodotti ittici, ma anche dell’acqua di mare, spesso prelevata da specchi acquei inquinati.

Pubblicità

In queste attività commerciali – si legge in una nota – sarebbero stati investiti capitali provenienti dal traffico di sostanze stupefacenti e dall’attività estorsiva. Ingenti somme di denaro sarebbero anche state trasferite verso la Grecia, dove le società controllate dal gruppo criminale si riforniva di prodotti ittici.

Leggi anche:  Csm, ricorso di Palamara alla Corte Europea dei diritti dell'uomo: «Impedito il suo diritto di difesa»

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Scuola, il Tar Campania respinge il ricorso contro l’ordinanza di De Luca

Il Tar Campania ha respinto il ricorso d'urgenza, presentato da un gruppo di cittadini rappresentati dagli avvocati Felice Laudadio e Alberto saggiomo, che chiedeva...

L’isterismo pandemico che trasforma tutti in «no vax». Vietato provare a riflettere

L'ultima vittima è il professor Andrea Crisanti L'isteria pandemica, ormai da un bel po' di tempo, ha preso il sopravvento. Una situazione paradossale in cui...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter