Estorsione aggravata dal metodo mafioso, in manette imprenditore nautico a Licola

La misura cautelare è stata emessa dalla XII Sezione Penale del Tribunale di Napoli su appello della locale Direzione Distrettuale Antimafia

Estorsione aggravata dal metodo mafioso: con questa accusa, i carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico e della Compagnia di Pozzuoli hanno arrestato il titolare di un cantiere nautico di Licola che successivamente è stato chiuso nel carcere di Poggioreale.

Pubblicità

La misura cautelare è stata emessa dalla XII Sezione Penale del Tribunale di Napoli su appello della locale Direzione Distrettuale Antimafia avverso l’ordinanza di applicazione di misura cautelare che il 18 giugno scorso aveva portato all’arresto per i medesimi fatti, di altre tre persone, tutte vicine ad ambienti legati al clan «Longobardi-Beneduce».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Chiamate gli infermieri: la sinistra è impazzita, vuole che la Cedu cancelli le politiche 2022

Mazzella «ricatta» i cittadini torresi ma dimentica i 40 milioni Pnrr di Sangiuliano per il rilancio dello Spolettificio Nonostante tutto, l’Italia va! A confermarlo, il...

Commercialista arrestato per peculato: si sarebbe appropriato di oltre 250 mila euro

Nell'ambito di procedure fallimentari Attraverso bonifici bancari si sarebbe appropriato di oltre 250 mila euro, il commercialista della provincia di Napoli, indagato per il reato...