Federproprietà Napoli

Napoli, nata prematura da una donna con Covid-19: deceduta

Pubblicità

La donna sarebbe ricoverata in gravi condizioni al Policlinico di Napoli Federico II

Una bambina nata da pochi giorni sarebbe morta al Policlinico di Napoli Federico II dopo essere nata prematura di 26 settimane, da una donna affetta da Covid-19 che non si è sottoposta al vaccino. Secondo il racconto del Corriere del Mezzogiorno la mamma è in gravi condizioni. Si tratta, dall’inizio della pandemia, del secondo prematuro morto, figlio di donna con virus.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Il professore Francesco Raimondi, ordinario di pediatria e responsabile del reparto di Neonatologia della Federico II, evidenzia che in ospedale continuano ad arrivare bimbi nati pretermine da mamme con Covid. I prematuri nati ad agosto al Policlinico sono comunque in buone condizioni.

«Lo ripeto ancora una volta: dobbiamo vaccinarci tutti e non andare dietro alle stupidaggini che circolano anche sui social» ha affermato il presidente della giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca. «Questa è la precondizione per salvare la vita delle persone- ha aggiunto- e per tornare alla vita normale». Un appello particolare è stato rivolto «alle donne gravide. Dopo il terzo mese si possono vaccinare. In Campania abbiamo altre due donne in gravidanza che sono in terapia intensiva e che non hanno fatto il vaccino».

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Agrigento, azzeravano i contachilometri delle auto: frode in commercio a Campobello di Licata

Azzeravano i contachilometri delle auto messe in vendita. È quanto scoperto in un autosalone con sede a Campobello di Licata, in provincia di Agrigento,...

Imprese, Meloni incontra Bonomi: urgono misure per fare fronte alla situazione economica

Il Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, e il Direttore Generale, Francesca Mariotti, hanno incontrato a Roma il Presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni e...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook