Federproprietà Napoli

Afghanistan, Rauti (FdI): «Governo continua a rinviare confronto con Parlamento»

Pubblicità

La senatrice: «L’emergenza umanitaria e geopolitica che stiamo vivendo avrebbe richiesto rapidità e chiarezza»

«Sulla crisi afgana il governo sta accumulando soltanto ritardi. Nel corso della Conferenza dei capigruppo svoltasi oggi a Palazzo Madama, si è appreso che i ministri Di Maio e Guerini sono disponibili a riferire in Aula per un’informativa sulla crisi afgana il prossimo 7 settembre». Lo dichiara il vicepresidente vicario di Fratelli d’Italia al Senato, Isabella Rauti.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Invece oggi – continua -, e sempre in ritardo, gli stessi ministri sono stati auditi dalle Commissioni parlamentari di Esteri e Difesa sulla crisi in Afghanistan. Per Fratelli d’Italia Di Maio e Guerini avrebbero dovuto riferire in Aula e non davanti alle Commissioni, ma soprattutto avremmo voluto che a farlo fosse il presidente del Consiglio Draghi; e non per una semplice informativa ma per delle comunicazioni con votazioni alfine di definire un indirizzo politico da assumere dinanzi a questa crisi».

«Invece, tutto questo non è avvenuto. Il governo ha scelto nuovamente di rinviare il necessario confronto con il Parlamento, dilatando i tempi delle decisioni politiche, mentre l’emergenza umanitaria e geopolitica che stiamo vivendo avrebbe richiesto rapidità e chiarezza» ha concluso la Rauti.

Potrebbe interessarti anche:
Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Entro il 31 dicembre bisognerà approvare 51 provvedimenti concordati, altrimenti niente rimborso di 24 miliardi

Afghanistan, un problema in più per l'Italia. Non si può certo chiudere le porte a donne e bambini e a quelli che, per aver...

Coronavirus, il bilancio in Italia: 403 contagi e 5 decessi. La Campania registra 35 ‘positivi’

Sono 403 i contagiati da Coronavirus nelle ultime 24 ore, 83 in più di ieri. Ma aumenta il numero di tamponi: quasi 54mila, contro...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook