Federproprietà Napoli

Caserta, riflessioni per il cambiamento. Le città non sono mummie, ma corpi viventi, da rendere vivibili

Pubblicità

Attraverso gli ‘spazi’ si genera la libertà, si consente di acquisire socialità e si generano le ‘società’ degne d’essere vissute

Decidere di costruire un parcheggio sotterraneo, localizzare un biodigestore di rifiuti organici, ridisegnare un nuovo stadio di calcio, rilasciare autorizzazioni ad edificare «castrum, feudi o residence», consentire l’accentramento di grandi centri commerciali, non curare l’ambiente naturale, tracciare nuove strade, significa «dare forma agli spazi in cui le persone vivono insieme».

Pubblicità Federproprietà Napoli

La politica stabilisce i processi per la vita di socialità, decide gli spazi dove si sviluppano i processi per la vita collettiva, gli spazi trasformati o inventati, plasmano e determinano il ‘contratto sociale’. Queste scelte non si effettuano senza prima: «le proposte degli urbanisti, l’ascolto della città e il consenso del Consiglio Comunale». Chi non le rispetta non merita rispetto!

Gli effetti del forzato isolamento pandemico, crisi climatica, instabilità politiche, spostamenti di popolazioni, crescita delle disuguaglianze razziali, sociali ed economiche sono da analizzare nei giusti modi per evitare l’alterazione del  contratto sociale. Le città non sono mummie, sono corpi viventi, da sorvegliare adeguatamente, analizzare, conoscere, curare e aggiornare all’evoluzione voluta della stessa società.

Nel descrivere la democrazia ideale, Aristotele non poté fare a meno della città. Infatti, è inimmaginabile una società democratica senza gli spazi idonei, ben strutturati, adeguati ad essere utilmente occupati e sufficienti a creare vivibilità.

Pubblicità

Gli spazi definiti e disponibili per l’uomo, modulati e creati a dimensione del vivere civile, in equilibrio col creato, adeguatamente mantenuti rendono e creano una corretta armonica società. Il bello genera il bello, l’equilibrio genera la felicità del vivere. Attraverso gli ‘spazi’ si genera la libertà, si consente d’acquisire socialità e si generano le ‘società’ degne d’essere vissute. Da ciò deriva che il corretto ‘contratto spaziale’ determina modi e metodi di fruizione di libertà nel rispetto delle regole del vivere sociale e civile.

Leggi anche:  Abbattimenti, Catello Maresca: «Sospensione di 6 mesi per abusi di necessità»

Il ‘contratto spazio-sociale’ abbisogna di decoro, determina i comportamenti, plasma gli individui, crea la società.

Le città sono tradite dalla politica. Assenza di nuovi e sempre maggiori spazi verdi, l’esistente non adeguatamente conservato, strade insicure e coperte di rifiuti, traffico caotico, senza servizi essenziali – in primis la mobilità sostenibile -, con quartieri degradati o resi dormitori, con periferie asociali, sono dimostrazione dell’assenza di ‘contratti sociali’.

Leggi anche:  Banca del Sud, Luciano Schifone (FdI): «Commissariamento un atto grave dal sapore punitivo»

Pianificazione urbanistica, infrastrutture adeguate e regolate per gli insediamenti umani creano la “città bella”. Reinvenzione della città creata dall’ascolto della popolazione con regole certe improntate all’armonia del bello e non all’utile speculativo dei pochi.

Le conseguenze dell’urbanesimo sono ancora visibili nei quartieri periferici delle grandi città, il nuovo urbanesimo è nell’involuzione creata con i falsi paradisi dei «residence tutto compreso e chiavi in mano».

Il contratto spaziale (PUC) è indispensabile alla creazione di un corretto contratto sociale.

Piazze abbandonate, assenza di strutture per lo sport e tempo libero, centri storici abbandonati, diruti o sostituiti col massimo speculativo edilizio, assenza di mobilità sostenibile e di offerte culturali, non controllo legale del territorio, rompono il contratto sociale. Le società sono plasmate dagli spazi disponibili, belli, utili e vivibili. Vivere in città caotiche, senza regole né equilibri abbrutisce la socialità, distrugge il contratto sociale, genera la vita brutta ed invivibile. Illuminare a giorno e sorvegliare gli spazi con telecamere non aumenta la socialità, aumenta le devianze, la violenza e la sfiducia rispetto alle regole del vivere in socialità.

Le città vanno decise da chi le vive, viverle significa scegliere, scegliere e creare il contratto sociale con i propri simili.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Covid-19, ristoratori in protesta: corteo di autovetture sull’A1. Code per chilometri

I ristoratori campani questa mattina hanno protestato con un corteo di decine di autovetture che ha percorso per alcuni chilometri l'autostrada A1 verso Roma,...

Niente streaming e quarantena politica. In Parlamento sarà battaglia sul ‘Cura Italia’

Lunedì si inizia al Senato in Commissione Bilancio. Possibile arrivo in Aula l’8 aprile Nessun ricorso allo smart working per Camera e Senato. Il Parlamento...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale