Federproprietà Napoli

Napoli, Manfredi declina la candidatura: «Dissesto economico troppo grave, serve intervento dello Stato»

Pubblicità

Geatano Manfredi non sarà il candidato a sindaco di Napoli per Pd e M5S. L’ex rettore della Federico II e ministro ha sciolto la riserva e ha spiegato che a base della decisione di non scendere in campo alle prossime amministrative c’è la difficile situazione economica in cui versa il Comune di Napoli e lo ha spiegato in una lunga lettera in cui si è detto «lusingato e riconoscente» dell’opportunità.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Alla base di tutto la liquidità dell’ente di Palazzo San Giacomo. «Il Comune – spiega – presenta una situazione economica e organizzativa drammatica. Le passività superano abbondantemente i cinque miliardi di euro, tra debiti e crediti inesigibili. Le partecipate sono in piena crisi e si prospettano difficoltà a erogare i servizi. La macchina amministrativa è povera di personale e competenze indispensabili. La capacità di spesa corrente è azzerata. Siamo, di fatto, in dissesto. Un dissesto che dovrà essere dichiarato o dal sindaco Luigi de Magistris entro qualche giorno o dal nuovo sindaco a fine anno».

«Sarei felicissimo – aggiunge – se venissi smentito su questi dati drammatici, ma temo che saranno confermati. La conseguenza è che, in queste condizioni della città, il sindaco diventa un commissario liquidatore. Chi mi conosce sa bene che preferisco la concretezza alle parole vuote. Il dissesto e i conseguenti vincoli di bilancio, in questa fase di grande sofferenza sociale a valle della crisi pandemica, creerebbero ferite profonde e azzopperebbero immediatamente il desiderio di ripartenza che tutti noi abbiamo. Alle aspettative si sostituirebbe la frustrazione. I più deboli pagherebbero il prezzo più alto. Sarebbe una fase lontana dalla mia visione di società e dai miei valori».

Per tutto ciò Manfredi si appella alle istituzioni sovranazionali. «soltanto un intervento legislativo di riequilibrio – afferma -, un immediato, incisivo e concreto ‘Patto per Napoli’ – può garantire alla città un futuro di sviluppo. Un Patto privo di artifici contabili, colmo di realtà, basato su uno stralcio del debito con un commissario straordinario come fatto per Roma e un piano straordinario di investimenti nazionali e regionali. Un Patto per un nuovo slancio della comunità partenopea, coinvolta con le sue migliori risorse nell’amministrazione della città».

Pubblicità

«Un Patto fra tutti coloro che vogliono bene a Napoli: imprenditori, civici, rappresentanti delle associazioni e del mondo del lavoro. Perché i soldi da soli non bastano, sono soltanto una precondizione: a Napoli servono anche risorse umane di primo livello, decise a impegnarsi per la rinascita della città, a cominciare dalla giunta comunale, che dovrà essere di altissimo profilo e con le mani libere. Altrimenti pensare che si cancellano i problemi scegliendo il sindaco comporterà soltanto il continuo ripetersi di quello che già viviamo».

Leggi anche:  Napoli, zero pazienti covid al San Giovanni Bosco. Verdoliva: «Il 14 giugno il ritorno alla normalità»

Per Manfredi «il campo largo delle forze progressiste che si è costituito a Napoli e ha animato il governo a cui ho partecipato grazie alla scelta del presidente Conte, ha tutte le energie per guidare, su queste basi, lo sviluppo della città, anche con il sostegno della Regione Campania. Aggiungo però che la questione non riguarda solo il campo progressista. Dovrebbe investire l’intero arco istituzionale, da chi deciderà di candidarsi a sindaco per ogni parte politica al centrodestra, al Governo e al Parlamento. E dovrebbe palesarsi prima delle elezioni amministrative, per le urgenze già ricordate e per sgombrare il campo dall’equivoco che rappresenta un favore a questo o a quel sindaco».

Leggi anche:  Abbattimenti, Catello Maresca: «Sospensione di 6 mesi per abusi di necessità»

«In ballo non ci sono tatticismi politici – rileva -, guerre di posizione e carriere personali, che francamente mi provocano anche una certa inquietudine, a maggior ragione per le ulteriori difficoltà che rischiano di vivere Napoli e i napoletani aggravate dagli effetti della pandemia. In ballo c’è il futuro della città».

Dopo l’uscita di scena dell’ex rettore però tornano in auge i nomi dell’ex ministro Enzo Amendola e del presidente della Camera dei deputati Roberto Fico che interviene sulla decisione di Manfredi. «Da Presidente della Camera – afferma – condivido totalmente l’appello accorato di Gaetano Manfredi, che ama come me la città di Napoli. Il tema del dissesto finanziario del Comune deve riguardare tutti i partiti politici, nessuno escluso. Da destra a sinistra al Movimento 5 Stelle».

«Il problema delle finanze comunali tocca infatti tanti comuni in Italia e lo Stato in prima persona deve operare un deciso cambio di paradigma nel rapporto Stato-Comuni. La condizione del Comune di Napoli è simile a quella di tanti altri nel nostro Paese: tutti hanno bisogno del massimo sostegno possibile. Aiutare i comuni significa stare vicino alle persone fornendo servizi essenziali a cui tutti hanno diritto» conclude Fico.

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Coronavirus, meno di 60mila gli attualmente positivi. Ma ci sono ancora 130 morti

Sono meno di 60mila i malati da Coronavirus in Italia. Lo riferisce il bollettino della Protezione Civile. Il numero totale di attualmente positivi, infatti,...

Covid-19, anticipata la riunione dell’Ema per decidere sul vaccino Pfizer-BioNTech

Il via libera dell'Ema al vaccino Pfizer-BioNTech contro il Covid-19 potrebbe arrivare prima del previsto. L'agenzia europea per i medicinali, infatti, ha spostato la...

Ultime notizie

ilSud24

Il nostro sito si fonda su lettori come te che leggono gratuitamente.
Sostienici con un like su Facebook alla pagina ufficiale