Federproprietà Napoli

Caso Open Arms, Matteo Salvini rinviato a giudizio a Palermo

Pubblicità

Caso Open Arms, il leader della Lega Matteo Salvini è stato rinviato a giudizio per sequestro di persone e rifiuto di atti di ufficio dal gup Lorenzo Jannelli dopo l’udienza preliminare nell’aula bunker del carcere Ucciardone. Il processo comincerà il 15 settembre davanti ai giudici della seconda sezione penale del tribunale di Palermo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino’. Articolo 52 della Costituzione. Vado a processo per questo, per aver difeso il mio Paese? Ci vado a testa alta, anche a nome vostro. Prima l’Italia. Sempre». Così ha commentato l’ex ministro dell’Interno sui social.

La difesa di Salvini nel corso dell’arringa ha sostenuto che la decisione del senatore, dettata dall’esigenza di tutelare i confini nazionali e che comunque fosse stata presa dall’intero Governo. Inoltre, secondo l’avvocato Giulia Bongiorno, difensore del leader della Lega, alla Open Arms era stata offerta la possibilità di attraccare sia a Malta che in Spagna: la ong avrebbe rifiutato entrambe le opzioni dirigendosi verso Lampedusa.

«Totale solidarietà mia e di Fratelli d’Italia al leader della Lega Matteo Salvini, rinviato a giudizio nel caso Open Arms» ha commentato Giorgia Meloni. «È scioccante – aggiunge  che venga mandato a processo chi da Ministro dell’Interno ha fatto solo quello che il suo mandato gli imponeva di fare: difendere i confini della Nazione e combattere l’immigrazione clandestina di massa. A Matteo il mio abbraccio sincero».

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, la Disney chiude gli store e punta sull’ecommerce: presidio dei lavoratori in via Toledo

L'azienda ha comunicato la chiusura di 60 negozi in tutto il mondo, 14 in Italia La Disney ha annunciato nei giorni scorsi la chiusura di...

Manovra, Meloni: «Scovate 22 società cinesi ‘apri e chiudi’. Difendiamo legalità. Governo approvi nostra proposta»

«La Guardia di Finanza ha scovato 22 società cinesi 'apri e chiudi' create ad hoc per fare false fatturazioni e permettere alle altre società...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter