Federproprietà Napoli

Marano, rapina finita nel sangue: due morti. 25enne si consegna ai carabinieri

Pubblicità

Con il passare delle ore sembra chiarirsi la vicenda delle due persone trovate morte ieri sera in via Antica Consolare Campana a Marano, in provincia di Napoli. Prende sempre più corpo l’ipotesi di una rapina finita male che è costata la vita a due persone, entrambe pregiudicate di Sant’Antimo, Domenico Romano, 39 anni, e Ciro Chirollo, 29 anni.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Nella notte si è presentato in caserma Giuseppe Greco, di 25 anni (incensurato), per raccontare la sua versione dei fatti. In queste ore viene interrogata dagli inquirenti – indaga la Procura di Napoli Nord – la persona ritenuta responsabile dell’investimento.

Nella tarda serata di ieri i carabinieri sono giunti nella strada ai confini con Villaricca e si sono trovati davanti una scena raccapricciante: a terra due cadaveri, uno posizionato vicino a uno scooter T-Max. L’altro corpo rinvenuto vicino a una piccola utilitaria che è finita contro un muro. Sul selciato sono stati trovati una pistola e un orologio Rolex.

Tutto sembrerebbe ricondurre a una rapina finita male. Secondo le prime informazioni i due gli avrebbero sottratto il Rolex in via San Rocco sotto minaccia della pistola. Minacce però che non lo avrebbero intimorito e il 25enne li avrebbe dapprima inseguiti, speronati e travolti con l’auto. Poi si sarebbe dato alla fuga e presentato presso la caserma dei Carabinieri che indagano sulla vicenda.

Pubblicità

Il ritrovamento era stato effettuato da una pattuglia della polizia municipale che ha allarmato i militari dell’Arma. I rilievi della Scientifica sono partiti subito, così come la ricerca di immagini da sistemi di videosorveglianza.

Lungo la strada sono stati recuperati anche diversi pezzi di carrozzeria persi dai due mezzi coinvolti, fatto che testimonierebbe l’urto violento tra auto e scooter. Dopo lo scontro la vettura è passata sui corpi dei rapinatori che a un primo esame esterno non presentavano ferite d’arma da fuoco, ma politraumi. Resta da capire se l’investimento sia stato o meno volontario. I militari dell’Arma confermerebbero la pista della rapina. (Leggi anche: Marano, rapina finita nel sangue: 26enne indagato per omicidio volontario)

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, false prescrizioni per truffare l’Asl: due arresti

False prescrizioni di costosi esami di laboratorio a nome di pazienti totalmente ignari, per ottenere indebiti rimborsi dal servizio sanitario regionale. È la truffa...

Caivano, in fuga a tutta velocità per 35 chilometri: arrestato dai carabinieri

Uomo inseguito fino a San Nicola la Strada Il piede piantato sul freno e le mani incollate sul volante per invertire la marcia. Domenico Zitiello,...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook