Federproprietà Napoli

Covid-19, in Israele la nuova frontiera della lotta al virus: si studia il vaccino in compresse

Pubblicità

La nuova frontiera della lotta al Covid-19 potrebbe arrivare, ancora una volta, da Israele. A quanto si è appreso la società israelo-statunitense Oravax starebbe studiando un vaccino contro il nuovo Coronavirus da assumere in compresse. La notizia è riportata da alcuni organi d’informazione israeliani.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Uno studio preclinico sugli animali ha mostrato che le pastiglie hanno prodotto anticorpi dopo una singola dose. Secondo la casa produttrice il siero fornirebbe una buona protezione anche contro le nuove varanti.

«Un vaccino orale – spiega Nadav Kidron, amministratore delegato di Oramed, proprietaria di Oravax – eliminerebbe diverse barriere per una distribuzione rapida e su larga scala, ridurrebbe i costi di distribuzione e consentirebbe alle persone di vaccinarsi da sole a casa».

«Mentre – conclude – la facilità di somministrazione è fondamentale oggi per accelerare i tassi di inoculazione, un vaccino orale potrebbe diventare ancora più prezioso nel caso in cui divenga indispensabile il richiamo annuale come per il vaccino antinfluenzale standard».

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Nadef 2022: «Tutto va bene madame la marchesa». Anzi va meglio, basta attendere il 2030

Purtroppo noi italiani non riusciamo ad accorgerci che l’Italia sta crescendo, colpa della nostra ignoranza e dei buchi presenti nelle nostre tasche Col solito cipiglio...

Dopo le nomine del CdA Rai FdI all’attacco di Lega e FI: «Violazione senza precedenti. Intervenga Mattarella»

Tensione alle stelle nel centrodestra. Proprio ora che sembrava che il bel tempo fosse spuntato nel cielo del centrodestra, ecco il ritorno dei temporali....

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook

Twitter