Federproprietà Napoli

Napoli, agguato nella notte: a Ponticelli un morto e un ferito

Pubblicità

La zona rossa e il coprifuoco non fermano la violenza. È di un morto e un ferito il bilancio di un agguato avvenuto questa notte a Napoli, nel quartiere Ponticelli. A perdere la vita un 30enne di Torre Del Greco, Giulio Fiorentino. Ferito gravemente ma non in pericolo di vita il 24enne Vincenzo Di Costanzo.

Pubblicità Federproprietà Napoli

A dare l’allarme una segnalazione al personale del 113. Gli agenti della Polizia di Stato di Ponticelli sono giunti sul posto in via Esopo e hanno ritrovato le due persone ferite a terra. Partita la macchina dei soccorsi Fiorentino è stato trasportato alla clinica Villa Betania dove è morto poco dopo l’arrivo per le ferite da colpi d’arma da fuoco.

Il 24enne Di Costanzo, invece, è stato trasportato all’Ospedale del Mare con ferite alle gambe e all’inguine. Operato, non è ritenuto in pericolo di vita. Entrambe le vittime, secondo quanto riferisce la Polizia, sono già note alle forze dell’ordine.

Gli agenti della scientifica hanno compiuto i rilievi del caso e hanno ritrovato diversi bossoli. La polizia sta indagando per ricostruire l’esatta dinamica e il movente ancora sconosciuto. Non si esclude la pista della camorra. La svolta per le indagini potrebbe arrivare dalla testimonianza del 24enne che al momento non può essere ascoltato per motivi di salute.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Italia chiusa per Covid fino al 15 gennaio, ma per il governo è sempre più crisi

Stop agli spostamenti tra Regioni fino al 15 gennaio e subito zona arancione per questo week end. Ala fine nel governo è prevalsa la...

Proiettili a Ciarambino, i consiglieri regionali del M5S: «Come testuggine in prima linea col nostro capogruppo»

«Le vili minacce di cui è stata oggetto la nostra capogruppo Valeria Ciarambino non potranno mai rallentare l’impegno che profondiamo ogni giorno per i...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Twitter

Facebook