Federproprietà Napoli

«Dove ti sei fatto Natale, lì fai pure Pasqua». Nessuna apertura nel prossimo Dpcm. Speranza: «Non possiamo permettercelo»

Pubblicità

«Dove ti sei fatto Pasqua, lì fai pure Natale» recita un antico proverbio napoletano e il premier Draghi e il ministro Speranza sembrano orientati a confermare la veridicità di questo detto, con le opportune modifiche. Come a Natale, gli italiani, dovranno subire restrizioni per l’emergenza Covid-19 anche a Pasqua.

Pubblicità Federproprietà Napoli

La conferma è arrivata dal ministro della Salute che al Senato ha affermato: «Non ci sono oggi le condizioni per allentare le misure». E allora avanti con le vecchie restrizioni. A breve arriverà il primo Dpcm per la pandemia dell’era Draghi che entrerà in vigore il 6 marzo e scadrà appena dopo le festività pasquali, il 6 aprile. Le parole di Speranza fanno ipotizzare il mantenimento delle chiusure per cinema, teatri, palestre e piscine. E sembra allontanarsi anche la possibilità di riapertura serale dei ristoranti.

Norme e divieti che dovranno arginare la diffusione del virus in Italia e contrastare le varianti del Covid, mentre l’indice Rt si avvia a superare 1. Si attende, per domani, l’analisi dei dati del Monitoraggio Regionale della Cabina di Regia.

Ma come affronterà l’emergenza l’Italia? Alla zona bianca (traguardo in pratica irraggiungibile per tutti), a quella gialla, a quella arancione e quella rossa ora si aggiungerà la fascia arancione rafforzata.

Pubblicità

Che cosa prevedrà? Alle regole tipiche della zona arancione si aggiungono ulteriori misure: la chiusura di scuole elementari, infanzia e nidi, il divieto di recarsi nelle seconde case, l’utilizzo obbligatorio dello smart working e la chiusura delle attività universitarie in presenza.

Misure che sono il tema di discussione nell’incontro in videoconferenza tra il governo e le Regioni che si sta svolgendo stamattina. Per l’esecutivo sono presenti il ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie Mariastella Gelmini e il ministro della Salute Roberto Speranza. Partecipa alla riunione anche il presidente dell’Anci, Antonio De Caro.

Leggi anche:  Napoli, dopo 10 anni dissequestrata la biblioteca dei Girolamini

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Attentato in Congo, salme arrivate in Italia. Di Maio: «Vile agguato, abbiamo chiesto risposte chiare»

Sono arrivate durante la notte a Ciampino le salme dell'ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in un vile attentato nel corso...

Salerno, operazione Captagon: distrutte 14 tonnellate di anfetamine | Video

Il sequestro record di 14 tonnellate di anfetamine effettuato dal gruppo investigazioni criminalità organizzata di Napoli nel porto di Salerno durante l'operazione 'Captagon' nel...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook