Federproprietà Napoli

Covid-19, Calabria, Lombardia e Piemonte ‘trasferite’ in zona arancione. Liguria e Sicilia passano in gialla

Pubblicità

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, firmerà una nuova ordinanza con cui si dispone l’area arancione per le Regioni Calabria, Lombardia e Piemonte (che erano in area rossa) e l’area gialla per le Regioni Liguria e Sicilia (che erano in arancione). Lo riferisce il ministero in una nota. L’ordinanza sarà in vigore da domenica 29 novembre e sarà valida fino al 3 dicembre.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Dopo l’ordinanza per il passaggio di 3 regioni alla fascia arancione e di 2 in quella gialla, l’Italia si presenta così: le regioni arancioni sono Calabria, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Basilicata, Puglia, FVG. Quelle gialle: Liguria, Sicilia, Sardegna, Lazio, Molise, Veneto, Provincia autonoma di Trento. Sono rosse: la Provincia autonoma di Bolzano, la Toscana, Abruzzo, Campania, Valle d’Aosta. Rinnovate le misure per Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche e Toscana.

La notizia era stata anticipata questa mattina dal governatore Attilio Fontana. «Grazie ai sacrifici dei lombardi, apprezzati i dati epidemiologici, ora siamo in zona arancione e potremo riaprire gli esercizi commerciali. A breve la decisone del Governo» aveva scritto su twitter il presidente della Regione Lombardia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Professioni. de Bertoldi (FdI): «In dirittura d’arrivo ddl su malattia e infortuni dei professionisti»

«Finalmente in dirittura d’arrivo il ddl, a mia prima firma, sulla malattia e l’infortunio dei professionisti; già dalla prossima settimana. Infatti, dovrebbero iniziare le...

«Dove ti sei fatto Natale, lì fai pure Pasqua». Nessuna apertura nel prossimo Dpcm. Speranza: «Non possiamo permettercelo»

«Dove ti sei fatto Pasqua, lì fai pure Natale» recita un antico proverbio napoletano e il premier Draghi e il ministro Speranza sembrano orientati...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook