Federproprietà Napoli

Dl Ristori, de Bertoldi (FdI): «Ancora discriminati i liberi professionisti. Taglio del 25% su compensi crisi d’impresa»

Pubblicità

«Il decreto ristori, che nuovamente discrimina i liberi professionisti italiani escludendoli per la seconda volta dopo il decreto Rilancio dal contributo a fondo perduto, ora arriverebbe finanche con la versione -ter- a tagliare del 25 per cento i compensi sulla crisi d’impresa.  Siamo davvero al ridicolo per non dire all’offensivo». Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione Finanze e Tesoro.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«I professionisti italiani – continua de Bertoldi – che stanno combattendo nella trincea dei propri uffici con le conseguenze della pandemia, delle malattie e delle quarantene di titolari e dipendenti per rispettare le scadenze e gli adempimenti ordinari e straordinari, senza ottenere proroghe tempestive e contributi dedicati, ora devono anche confrontarsi con la riduzione d’ufficio dei propri compensi».

«Insomma, chi spesso lavora senza aver neppure ricevuto anticipi per tentare di salvare le aziende italiane in difficoltà, sarà pure ulteriormente penalizzato nei propri meritati ricavi. Non c’è che dire, un bel modo per questa maggioranza giallorossa di ringraziare migliaia di liberi professionisti, che lavorano per superare le crisi aziendali, purtroppo ora quanto mai attuali» conclude il senatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, l’Asl Na 1 lancia la notte dei vaccini: somministrazioni per i napoletani dai 30 ai 39 anni

L'Asl Napoli 1 lancia la notte dei vaccini. Dieci ore in cui tutti i napoletani dai 30 ai 39 anni, che vorrano aderire, potranno...

Buona Pasqua a tutti: euroeuforici, euroscettici e agli europerplessi. Ma Meloni e Salvini sono sempre alleati?

Prima di entrare nel merito della nota di questa domenica, è doveroso augurare ai nostri lettori e agli italiani tutti residenti dalle Alpi e...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook