Calabria, proteste contro il Dpcm a Cosenza. Il sindaco Occhiuto: «Vicino agli imprenditori»

Dopo Napoli e Roma, la protesta contro i provvedimenti approvati dal Consiglio dei Ministri per fronteggiare la diffusione del coronavirus approda anche a Cosenza dove questa sera decine di ristoratori e titolari di bar si sono radunati in piazza.

Pubblicità

«Non vogliamo assistenzialismo – ha detto uno dei promotori della protesta – ma chiediamo di poter lavorare. Abbiamo fatto sacrifici per adeguare i nostri locali alle normative anticontagio e oggi la chiusura ci penalizza nuovamente. Alcuni dei nostri dipendenti ancora non hanno ricevuto la cassa integrazione e oggi siamo costretti a non poter lavorare».

Solidarietà ai manifestanti anche dal primo cittadino Mario Occhiuto, presente alla protesta. «Sono vicino ai ristoratori e agli imprenditori danneggiati dall’ultimo Dpcm» ha affermato il primo cittadino.

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Sono quelli – afferma – che hanno più investito per adeguare gli spazi e adesso vengono chiusi. Che senso ha una chiusura alle 18:00? Il virus esiste ed è pericoloso soprattutto perché mette in crisi il nostro sistema sanitario, ma come si può pensare di farne pagare le conseguenze solo a determinate categorie economiche e sociali?»

«Perché non si è investito in questi mesi nella sanità e nella prevenzione? Per la creazione di nuovi posti letto? Per l’assunzione di personale medico e paramedico negli ospedali? Per l’individuazione e il tracciamento dei contagi? Per la protezione delle categorie fragili? Per la cura precoce della malattia? Per la didattica a distanza nelle scuole?» si domanda.

Momenti di tensione quando un petardo di grosse dimensioni é stato fatto scoppiare durante la manifestazione. Il petardo é stato lanciato in un cantiere vicino il Municipio. I manifestanti hanno anche bloccato corso Umberto, una delle vie principali della città.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

In Campania è allarme per i giochi d’azzardo online: primi in Italia

Nella regione oltre 3.300 soggetti sono in cura per gioco d’azzardo. Nel web pochi controlli Il primo posto per il gioco online in Italia è...

Fondazione Banco di Napoli, protocollo con il Comune per valorizzare la zona dei musei

In programma ci sono progetti culturali e attività di tutela dei beni Progetti culturali, attività di tutela dei beni architettonici, ambientali e paesaggistici della città,...