Federproprietà Napoli

Usura e minacce, due arresti a Castellammare. Imprenditore costretto a pagare 5500 euro al mese

Ordinanza per il reggente del clan Cesarano e per la moglie

Pubblicità

Dal 2011 pagava 5.500 euro al mese a causa di un prestito da 550mila euro ricevuto dal clan ma gli effetti della pandemia si stavano facendo sentire e, ormai incapace di sostenere la pressione, ha scelto di denunciare: subiva pressioni, minacce e botte da nove anni l’imprenditore di Castellammare di Stabia che, alla fine, ha trovato il coraggio di rivolgersi alla Guardia di finanza di Napoli.

Pubblicità Federproprietà Napoli

I finanzieri hanno arrestato due dei tre presunti aguzzini: Nicola Esposito, detto “o’ mostr”, recluso al 41 bis, considerato dagli inquirenti reggente del clan Cesarano, già arrestato nel 2014, e sua moglie Annunziata Cafiero, anche lei finita in cella. Ai due e a un loro familiare attualmente ricercato vengono contestati i reati di usura, estorsione e lesioni personali aggravati dal metodo mafioso. Dalle indagini è emerso che per estinguere il prestito pretendevano i 550mila euro in un’unica soluzione: così il clan teneva sotto scacco l’imprenditore dal quale pretendevano la cessione della sua attività. L’uomo era vittima di continue minacce e aggressioni, l’ultima a luglio, per mano della Cafiero.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Maximall Pompeii, Ruotolo: «Realizzato anche con fondi pubblici. Istituire tavolo con sindacati, Enti locali e gruppo imprenditoriale»

Il senatore del Gruppo Misto ha depositato un'interrogazione «Tra Torre Annunziata e Pompei sorgerà il 'Maximall Pompeii', un insediamento commerciale di circa 200 mila metri...

Cimitero di Poggioreale, consiglieri chiedono di istituire un ufficio informazioni

La postazione straordinaria dovrebbe sorgere presso la IV Municipalità in Via Gianturco I consiglieri municipali della «Lista Manfredi Sindaco» Domenico Arfè, Vincenzo Accuso e Cristoforo...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook