Omicidio-suicidio a Portici, uccide la convivente e si lancia dal quarto piano

Un uomo ha ucciso la convivente, poi si è gettato dal quarto piano della sua abitazione ed è finito al suolo privo di vita. E’ accaduto ieri sera in un condominio di via Libertà 216 a Portici (Napoli).

Pubblicità

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo – Giovanni Fabbrocini, 65 anni, incensurato – avrebbe colpito con diversi fendenti al corpo la sua convivente – Maria Adalgisa Nicolai di 59 anni, ricercatrice universitaria nella facoltà di Agraria – con un coltellaccio da cucina, e si è poi lanciato dal quarto piano dell’abitazione. Da quanto si apprende, non vi sarebbero state in precedenza denunce per litigi tra i due. Poco prima dell’accaduto, alcuni vicini però avevano sentito delle urla provenire dall’appartamento nel quale i due convivevano. 

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Portici e del Nucleo investigativo di Torre Annunziata per i rilievi. Da quanto si apprende i militari hanno trovato nell’abitazione notevoli tracce di sangue. La donna era ricercatrice di scienze e tecnologie alimentari al Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’ lì dove si era laureata in Scienze Agrarie nel 1991.

Pubblicità Federproprietà Napoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

«Pensava solo al figlio scomparso». Il quartiere piange Alfredo Nocerino

Il racconto dei residenti: fu lui a ritrovare il corpo del ragazzo, cercò di rianimarlo toccandogli il viso. Non si è mai ripreso Due mesi...

Secondigliano, fidanzati morti in auto: il padre di Vincenzo suicida nello stesso box

L'uomo si sarebbe tolto la vita con le stesse modalità Si è tolto la vita nello stesso modo, con le stesse modalità con le quali...