Fase 2, Di Scala (FI): «Stop addizionale regionale Irpef e riconoscimento economico a operatori sanitari campani»

Sospendere per tutto il periodo dell’emergenza sanitaria l’addizionale regionale Irpef al personale sanitario pubblico e privato della Campania, attribuirgli un adeguato riconoscimento economico a titolo di gratitudine istituzionale. A lanciare la proposta per la Fase 2, contenuta in una mozione depositata questa mattina presso la presidenza del Consiglio regionale della Campania, è la consigliera regionale di Forza Italia, presidente della commissione Sburocratizzazione della Regione Campania, Maria Grazia Di Scala.

Pubblicità

«Parliamo di medici, infermieri, personale socio sanitario e ausiliario – spiega l’esponente di Forza Italia – che con straordinario spirito di sacrificio è stato impegnato già all’indomani della dichiarazione dello stato di emergenza sanitaria, in uno sforzo tanto straordinario per carico di lavoro e disagi anche personali e familiari, quanto rischioso per la loro stessa salute».

Per Di Scala, «andare oltre le formali, per quanto sinceramente sentite, espressioni di gratitudine istituzionale è un atto dovuto, soprattutto nei confronti  del personale più esposto e, come nel caso delle residenze sanitarie assistite, malpagato». «Richiamerò la risoluzione – rende noto la consigliera di Forza Italia  – nella prima seduta utile della conferenza dei capigruppo perché l’aula possa approvarla in tempi davvero brevi e consentire in tempi altrettanto stretti al governo regionale di approvare norme e stanziamenti».

Pubblicità Federproprietà Napoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Setaro

Altri servizi

Torre Annunziata prova a ridarsi un’amministrazione vera

Dopo due anni di commissariamento, checché ne dicano i "commissari" la realtà cittadina appare ulteriormente peggiorata A due anni dallo scioglimento del Consiglio comunale (22...

Fratelli d’Italia ha fatto da apripista e ora tutta l’Europa si sposta a destra

Macron crolla e scioglie il Parlamento transalpino, Scholz traballa, tiene la von der Leyen e cresce la Schlein, ma per riuscirci si mangia Conte «Le...