Accusati di tentata estorsione a un imprenditore: Riesame annulla 3 arresti

Finirono ai domiciliari nel blitz contro i clan del centro storico

Il Tribunale del Riesame di Napoli (XII sezione) ha annullato le misure cautelari disposte a carico di Lucia Basile, 36 anni, Roberta Fallace, 28 anni, e Massimo Damiano, 31 anni (gli ultimi due difesi dagli avvocati Riccardo Polidoro e Luciano Meletopoulos) arrestati e messi ai domiciliari lo scorso 30 gennaio nell’ambito di un’indagine nella quale viene loro contestato il reato di tentata estorsione e lesioni nei confronti di un imprenditore edile.

Pubblicità

Secondo le accuse di quest’ultimo, infatti, i tre si sarebbero rivolti alla camorra per farsi restituire il denaro versato a fronte di alcuni lavori di ristrutturazione. «Oggi c’è stato un primo passo verso l’accertamento della verità», dice l’avvocato Giovanna Cacciapuoti, difensore di Lucia Basile, «sin dal primo momento abbiamo respinto ogni accusa, anche adducendo varie prove a sostegno dell’innocenza.

Quella raccontata dall’imprenditore – continua Cacciapuoti – era apparsa come la classica storia dell’imprenditore vessato. In realtà i fatti si sono svolti in maniera completamente diversa e davanti ai giudici del Riesame ne abbiamo dato una prima dimostrazione». «Ora – conclude l’avvocato Cacciapuoti – attendiamo fiducioso l’inizio del processo».

Setaro

Altri servizi

Bankitalia: nel 2023 il peso del Superbonus 5 volte oltre le stime

«Futuri incentivi non ripetano errore superbonus» Il costo del Superbonus contabilizzato per competenza nel 2023 è pari a 3,7 punti di Pil ovvero 77 miliardi,...

Bimbo azzannato e ucciso da 2 cani: tragedia nel Salernitano

Ferita anche la madre Un bambino di 15 mesi è morto dopo essere stato azzannato da due cani, probabilmente pitbull. È accaduto questa mattina in...