Prestiti con tassi fino al 240%: aumentano le accuse per il presunto usuraio

Durante una perquisizione trovato anche un «libro mastro»

Prestava denaro anche con tassi del 240 per cento il presunto usuraio al quale i carabinieri di San Vitaliano (Napoli), su delega della Procura di Nola, hanno notificato una misura cautelare. Le indagini sono partite dalla denuncia di una delle vittime, a Scisciano (Napoli) la quale, anche grazie al sostegno di una locale associazione di volontariato, si è rivolta ai carabinieri.

Pubblicità

L’arresto dell’indagato è scattato nei primi giorni di ottobre 2023: durante una perquisizione nella sua abitazione sono state trovate ingenti somme di denaro e un «libro mastro» contenente la contabilità dell’attività usuraia, con annotazione dei nomi delle vittime e, a margine, le somme di danaro dovute.

I carabinieri sono riusciti a individuare anche le altre vittime che poi hanno confermato di essere cadute nel giro di usura dal quale non riuscivano a uscire a causa degli elevatissimi tassi di interesse applicati, anche del 240 per cento.

Pubblicità Federproprietà Napoli

All’indagato – che si trovava già nel carcere napoletano di Poggioreale – viene contestato anche il reato di estorsione: per costringere le sue vittime a pagare le teneva sotto pressione con le minacce. Grazie agli approfondimenti investigativi all’indagato sono state ora contestate altri prestiti usurai risalenti ai mesi di marzo 2021 e ottobre 2023.

Setaro

Altri servizi

Evasione d’Iva per circa 50 milioni di euro: 12 denunciati

Individuate fatture false per oltre 123 milioni Dodici persone sono state denunciate dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza per frode fiscale e...

Brucia la collina dei Camaldoli: preoccupazione per le case

Vigili del fuoco al lavoro per domare l'incendio Nel pomeriggio di oggi un incendio è divampato sul versante di Soccavo della collina dei Camaldoli a...