Napoli, Simeone e Maresca: «All’Ospedale dei Colli a rischio sanità pubblica»

Sotto accusa una bozza di riorganizzazione

I consiglieri comunali di Napoli, Catello Maresca e Nino Simeone hanno trasmesso una nota al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e al sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi per intervenire «su una situazione delicata che vedrebbe coinvolti i medici e il personale sanitario dell’Ospedale dei Colli. Una recente bozza di atto aziendale, inviata dai vertici dell’Azienda Ospedaliera alle Organizzazioni Sindacali, sta infatti suscitando forti preoccupazioni tra i lavoratori per le ricadute negative che questo piano potrebbe causare, sia sul piano lavorativo che sulla qualità dell’assistenza sanitaria fornita ai pazienti».

Pubblicità

«Questa bozza di riorganizzazione, tra le altre cose, prevederebbe infatti una riduzione significativa del numero delle Unità Operative Semplici Dipartimentali da 37 a 23 e i dipartimenti che subirebbero i maggiori tagli sono quelli di Cardiochirurgia e Cardiologia che, si ricorda, hanno reso il Monaldi, in modo particolare, un importante centro di riferimento a livello internazionale, riconosciuto quale Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione nel campo delle malattie cardiopolmonari e polmonari», si legge in una nota diffusa dai due consiglieri.

Molti lascerebbero

«Per effetto di questa riorganizzazione, molti medici, professionisti di comprovata esperienza e riconoscimento internazionale, verrebbero messi nelle condizioni di lasciare l’Azienda Sanitaria Pubblica per continuare a lavorare altrove, magari nel settore privato. Verrebbero declassati medici riconosciuti a livello internazionale, professionisti affermati che ricoprono incarichi di prestigio, quali presidenti di società scientifiche e altro»

Pubblicità Federproprietà Napoli

I consiglieri Maresca e Simeone, auspicano pertanto, un ripensamento da parte dei vertici aziendali e chiedono al Sindaco ed in modo particolare al Presidente della Regione, De Luca, in qualità di delegato alla Sanità, di intervenire nel merito per evitare l’ennesimo «taglio» a discapito del Servizio Sanitario Pubblico napoletano e campano.

Setaro

Altri servizi

Invita una turista per un drink e la stupra: 32enne tunisino arrestato in Sicilia

Le violenze sarebbe avvenute a Sorrento l'estate scorsa Avrebbe violentato in strada una giovane conosciuta da poco, dopo averla condotta con un pretesto in un...

Napoli, uomo spara dalla finestra di casa: bloccato dalla polizia

Scoppia il panico, le mamme vanno a prendere figli a scuola Paura a Ponticelli, quartiere alla periferia di Napoli, dove un uomo, poco fa, ha...