Omicidio Giulia Cecchettin, Filippo Turetta ammette l’omicidio davanti al gip

Il 21enne ha ripetuto la confessione fatta ai poliziotti tedeschi

«Ho ammazzato la mia fidanzata, ho vagato questi giorni perché cercavo di farla finita, ho pensato più volte di andarmi a schiantare contro un ostacolo e più volte mi sono buttato un coltello alla gola, ma non ho avuto il coraggio di farla finita». Sono le parole che Filippo Turetta aveva confessato, ormai da giorni, ai poliziotti tedeschi che lo hanno arrestato – su mandato di arresto europeo – per l’omicidio dell’ex fidanzata Giulia Cecchettin.

Pubblicità

Una confessione che oggi il 21enne, assistito dall’avvocato Giovanni Caruso, ha «sostanzialmente ripetuto» in una dichiarazione spontanea – rendendole quindi valide per la giustizia italiana – davanti al gip di Venezia Benedetta Vitolo e al pm Andrea Petroni. Da quanto si è saputo, nei pochi minuti in cui è rimasto davanti al gip Turetta era in lacrime e in particolare ha pianto prima di essere portato via quando l’interrogatorio si è concluso.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Sant’Antonio Abate, confiscato il «Castello delle Cerimonie»

Andrà al Comune di Sant'Antonio Abate Diventa esecutiva, con una sentenza della Corte di Cassazione emessa ieri, la confisca del «Castello delle Cerimonie», noto anche...

Uccide la moglie e i 2 figli: i fratellini torturati, picchiati e soffocati

Nella villetta le prove del supplizio È fissata per oggi, nel carcere di Pagliarelli di Palermo, l’udienza di convalida dei fermi di Giovanni Barreca, accusato...