Bruciò vivo il fratello per incassare i soldi delle polizze vita: 37enne condannato all’ergastolo

Secondo la ricostruzione la vittima firmò le assicurazioni su richiesta dell’imputato

In una tragica vicenda Antonio Martone, 37 anni, residente a Sant’Antonio Abate, è stato condannato all’ergastolo dalla Corte d’Assise di Napoli. La sentenza giunge in seguito all’accusa di aver appiccato il fuoco che ha bruciato vivo suo fratello Domenico Martone, il cui cadavere semicarbonizzato fu rinvenuto in una strada di campagna al confine con Lettere la sera del 30 marzo 2022.

Pubblicità

La storia, avvolta da un’atmosfera di orrore, ha scosso la comunità locale. La vittima, Domenico, aveva firmato polizze assicurative su richiesta dello stesso Antonio, il quale, secondo l’accusa, avrebbe perpetrato l’omicidio al fine di incassare i soldi delle assicurazioni. Le indagini condotte dai carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia, sotto la guida della Procura di Torre Annunziata, hanno gettato luce su un oscuro dramma familiare.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

«Vuoi morire pure di vecchiaia? Nuje amma murì con una botta in testa»

Le intercettazioni che hanno inchiodato i baby boss dei Quartieri Spagnoli legati ai Faiano Le indagini che hanno portato alla cattura dei tre giovanissimi ras...

Parte il G7 di Capri: isola blindata con 1400 uomini

Dispositivi di sicurezza rafforzati anche a Napoli È blindata l’isola di Capri, isola-gioiello di fronte Napoli, che da oggi accoglie la riunione dei ministri degli...