Camminava in strada con un feto in un sacchetto: 40enne fermata per infanticidio

Avrebbe assunto numerose compresse per abortire

E’ stata fermata con l’accusa di infanticidio la donna di 40 anni che era stata trovata mercoledì scorso in strada a Casal di Principe (Caserta) in stato confusionale con un feto morto in un sacchetto. La misura, emessa nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, è stata eseguita ieri nei confronti della donna, di origini marocchine e irregolare in Italia, che lavorava da qualche mese come badante a Casal di Principe. Secondo l’accusa la 40enne avrebbe assunto volontariamente, per abortire, numerose compresse di un farmaco normalmente utilizzato come antinfiammatorio.

Pubblicità

L’assunzione delle compresse avrebbe causato l’interruzione della gravidanza e la conseguente espulsione del feto di circa 20 settimane. Soccorsa dai sanitari del 118 nelle immediate vicinanze dell’abitazione, la donna fino a ieri mattina era rimasta in osservazione nell’ospedale di Aversa. Le indagini, affidate ai carabinieri della compagnia di Casal di Principe e dirette dalla Procura di Napoli Nord, si sono focalizzate, oltre che sulle evidenze mediche, sui contenuti di alcune chat whatsapp. Il quadro emerso risulta, allo stato attuale, quello di un’assunzione volontaria del farmaco da parte della donna con l’intento di interrompere la gravidanza. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a ricostruire l’intera dinamica dei fatti, oltre che all’identificazione del padre del feto e di eventuali altri responsabili.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Asse tra camorra, ‘ndrangheta e mala romana: 18 arresti

Tra gli arrestati ci sono i ras Umberto e Salvatore D’Amico e Umberto Luongo Sono 18 le persone destinatarie dei provvedimenti con un’ordinanza dal gip...

Napoli, parte la riqualificazione della collina di Posillipo: investiti 31 milioni

Obiettivo è completarla entro la prima metà del 2026 Sono partiti ufficialmente da via Orazio e via Petrarca, a Napoli, i primi interventi del «Grande...