Morte di Ugo Russo, il gup nega integrazioni all’incidente probatorio chiesta dalla Procura

Udienza preliminare rinviata al 23 maggio

Non è stata concessa l’integrazione all’incidente probatorio chiesta dalla Procura di Napoli nell’ambito del procedimento giudiziario che vede imputato un carabiniere accusato dell’omicidio volontario aggravato del 14enne Ugo Russo, colpito a morte, con la pistola di ordinanza, la notte tra il 29 febbraio del 2020, nella zona di Santa Lucia, a Napoli, mentre cercava di rapinare l’orologio al militare. Lo ha deciso il gup di Napoli Tommaso Perrella che ha ritenuto insussistenti i presupposti per accordare l’ulteriore approfondimento. Il giudice ha quindi rinviato l’udienza preliminare al 23 maggio per la discussione.

Pubblicità

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Omicidio Maimone, il padre in aula: «Chiediamo giustizia, non vendetta»

Prima udienza che vede imputati Francesco Pio Valda e un gruppo di parenti e di amici «Chiediamo giustizia per nostro figlio, non vendetta». Lo ha...

Un arsenale da guerra sul tetto di una baracca | Video

Le armi in un borsone di tela blu Un arsenale è stato scoperto nel Napoletano. Armi da guerra in una sacca sportiva sono state trovate...