Omicidio nel Napoletano: 57enne ucciso in un ristorante

La vittima sarebbe un affiliato al clan Amato-Pagano

Un 57enne già noto alle forze dell’ordine è stato ucciso da colpi d’arma da fuoco nel Napoletano. Pochi minuti fa i carabinieri della compagnia di Marano sono intervenuti in un ristorante in via Lavinaio, nel comune di Melito. I militari dell’Arma sono a lavoro per le indagini del caso. Si tratta di Vincenzo Nappi, ritenuto affiliato al clan Amato-Pagano.

Pubblicità

Nappi si occupava di estorsioni ma principalmente degli affari legati al ‘mattone’. Costruzioni di case e villette. E in tal caso, ricorda il pentito Biagio Esposito «incaricava un suo uomo per ottenere permessi al comune di Melito». Nappi era stato arrestato nel 2011 dopo 3 mesi latitanza, perché sfuggito a un blitz dei carabinieri, ma era attualmente libero. Era ritenuto uomo di fiducia del boss Mariano Riccio, e bersaglio di Carmine Amato, che i pentiti indicano come mandante di una ‘condanna a morte’ nei suoi confronti che però non era stata eseguita. (In aggiornamento)

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Agguato ai Quartieri Spagnoli, ferito il figlio del boss Mario Savio

Il 36enne centrato con un proiettile al gluteo, a marzo un commando fece fuoco contro la sua abitazione Serata di piombo e sangue ai Quartieri...

Torre Annunziata, Alfano: «Rispetto ogni orientamento sessuale, parole estrapolate per colpirmi»

Il candidato dell'Alleanza Straordinaria: «Chi li ha estrapolate e diffuse a solo 5 giorni dalle urne ha spregevole intento di mettermi in ombra» Il professore...