Savoia, Emanuele Filiberto lancia circuito esclusivo di carte di credito

Il principe: «Un progetto innovativo, che rappresenta anche un modo nuovo di fare sport»

Un club esclusivo di conti correnti e carte di credito circuito Mastercard a marchio Casa Reale. È questo uno dei primi progetti messi in campo dalla holding che ha tra i suoi soci fondatori e tra i presidenti onorari Emanuele Filiberto, nipote dell’ultimo re d’Italia.

Pubblicità

Il progetto è stato presentato nel corso di una conferenza stampa alla quale ha preso parte lo stesso principe, collegato in video, mentre nella sala congressi della Legea Spa, a Pompei, erano presenti anche gli altri soci, tra cui i presidenti onorari Marco Limoncelli e Nazario Matachione. Proprio Emanuele Filiberto ha introdotto il dibattito, parlando di «un progetto innovativo, che rappresenta anche un modo nuovo di fare sport». Nella fattispecie, la Casa Reale Holding Spa «ha realizzato – è stato detto – su licenza Mastercard, il proprio conto corrente con carta brandizzata. Un prodotto di alto valore aggiunto per fidelizzare l’utenza finale con il brand principesco di casa reale ed incrementare i ricav».

Ricavi che, hanno spiegato gli organizzatori, saranno interamente investiti nello sport. ‘«E non solo nel Savoia – ha tenuto a specificare Matachione – ma in tante altre realtà che andremo ad individuare». Quattro le carte di credito pensate per la circostanza: si va da quella di colore bianco, a quelle oro, platino e black (solo su invito), tutte con il marchio della casa reale.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Fisco, Giorgia Meloni spegne le polemiche: stop al Redditometro

La premier: Lotta all'evasione sì, ma contraria a meccanismi invasivi Un post in mattinata, un video in serata dopo un incontro con il viceministro al...

Il clan dei Casalesi riciclava in Toscana: 18 avvisi di conclusione indagine

Le indagini incentrate «su un imprenditore operante nel settore edile» La Procura della Repubblica di Firenze, nell’ambito di un’indagine della Guardia di finanza di Firenze...