Qatargate, De Luca: «Il Pd è stato nelle mani per 15 anni di un gruppo dirigente di miserabili»

Il presidente della Regione Campania: «Indigna che chi ha governato il partito continua a dare le carte»

«Sono cose che indignano, vergognose». A dirlo, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a margine di un appuntamento pubblico a Napoli, riferendosi al cosiddetto Qatargate. «Al di là dell’indignazione per la corruzione – sottolinea – quello che mi colpisce è rendermi conto che il Pd è stato nelle mani per 15 anni di un gruppo dirigente di miserabili. Miserabili su piano politico, costituito al 99 per cento di presuntuosi e dall’uno per cento di nullità politiche, salvo qualche rara eccezione. Indigna che chi ha governato il partito continua a dare le carte, a fare interviste, a assumere incarichi, pur essendo totalmente al di fuori della società italiana. Anime morte»

Pubblicità

«Mi auguro che dal congresso possa arrivare un rinnovamento del Pd, ma è un’impresa quasi impossibile. C’è da augurarsi per l’equilibrio della vita politica italiana che ci possa essere un rinnovamento radicale e totale di tutta la classe dirigente, un’impresa al limite» ha detto. «Il presupposto – ha detto aggiunto – è mettere da parte tutti quelli che in 15 anni sono stati in organismi dirigenti del Pd e nei governi nazionali. Tutti, nessuno escluso. E’ l’unica possibilità di creare una vitalità di democrazia italiana e una forza progressista che garantisca dialettica politica seria nel Paese».

De Luca ha anche criticato le metodologie del congresso Pd: «E’ costruito – ha detto – su regole demenziali e autoreferenziali. Mi hanno detto che il tesseramento al Pd si paga con la carta di credito, con il pos, con la motivazione di evitare pacchetti di tessere. Ma non era più semplice obbligare a ognuno di andare a farsi di persona la tessera? Mi dicono anche di 28 euro per il tesseramento a persona, ma dove vive questo gruppo di miserabili? Un gruppo dirigente miserabile che ha lavorato per anni per creare correnti, e sottocorrenti, gruppi e sottogruppi, del tutto indifferenti al lavoro in territori, a militanza, sacrificio e risultati. Abbiamo avuto dirigentei cooptati, gente senza il voto neanche di loro madre, solo anime morte».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Operaio muore durante la raccolta delle ciliegie, indaga la polizia

La tragedia in Irpinia È tutta da chiarire la tragedia verificatasi nei campi a Cervinara, in provincia di Avellino, dove stamattina un operaio di 63...

Il duplice omicidio Marrandino avvenuto sotto gli occhi dei carabinieri

Una pattuglia aveva notato le auto ferme, poi sono arrivati gli spari. La pistola puntata anche contro un militare Per il duplice omicidio dei fratelli...