Federproprietà Napoli

Strage a Roma, litiga per il condominio: spara e uccide 3 donne. Fermato il 57enne Claudio Campiti

Pubblicità

Ferite anche altre quattro persone

Una azione di morte pianificata in ogni minimo dettaglio. «Ora vi uccido tutti», le parole chissà da quanti anni covate e urlate oggi da Claudio Campiti prima di fare fuoco ad una riunione di condominio che si stava svolgendo in un gazebo a Roma, nella zona della borgata Fidene. Obiettivo del 57enne il consiglio di amministrazione del Consorzio Valleverde, società che gestisce una serie di villette sul lago del Turano, in provincia di Rieti.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Con quel consorzio era in guerra da anni, Claudio Campiti si sentiva perseguitato e si rifiutava di pagare le spese. L’uomo, intorno alle 9.30, è entrato nella struttura di legno e plexigas di via Monte Giberto, a poca distanza da un bar. Ha chiuso la porta dietro di sè e ha cominciato a sparare. Impugnando una semiautomatica ‘rubata’ pochi minuti prima al poligono di tiro di Tor di Quinto, ha fatto fuoco in direzione delle persone sedute al di là di un tavolo. Colpi in sequenza, sparati con precisone da chi è avvezzo all’uso delle armi.

Il premier Giorgia Meloni e Nicoletta Golisano
Il premier Giorgia Meloni e Nicoletta Golisano

Sul colpo muoiono tre donne: Sabina Sperandio, 71 anni consigliera del consorzio, Nicoletta Golisano, 50 anni revisore dei conti ed amica di famiglia del premier Meloni, Elisabetta Silenzi, 55 anni segretaria contabile. Le vittime sono raggiunte al torace. All’interno del gazebo è l’inferno. Le trenta persone presenti all’assemblea tentano di mettersi in salvo: c’è chi si nasconde sotto il tavolo, chi, carponi cerca di salvarsi. Claudio Campiti non si ferma e continua nel suo blitz.

Restano ferite altre quattro persone: Bruna Marelli, 80 anni presidente del Consorzio, Carlo Alivernini e Fabiana De Angelis. Ad un tratto però Campiti si ferma, la pistola si inceppa. Sono istanti drammatici. Il primo a reagire è Silvio Paganini, 67 anni, che si lancia addosso al killer e lo blocca, aiutato poi da altre persone, rimanendo anche lui ferito.

Il cordoglio del presidente del Consiglio

Pubblicità

«L’uomo che ha ucciso queste tre donne innocenti è stato fermato e spero che la giustizia faccia quanto prima il suo corso – ha commentato il presidente del consiglio su Fb -. Nicoletta era mia amica, non è giusto morire così».

I soccorsi e il fermo del 57enne

Dopo la sparatoria al numero di emergenza del 112 arrivano decine di telefonate: «correte in via Gilberto è l’inferno». In pochi minuti nella strada alberata della borgata arrivano numerose ambulanze e Gazzelle dei carabinieri. All’uomo, Claudio Campiti, vengono messe le manette e da quel momento non aprirà più bocca con gli inquirenti che lo trasferiscono in una caserma dell’Arma all’Eur. I feriti vengono trasportati in quattro ospedali.

Leggi anche:  Governo, Giorgia Meloni blinda Carlo Nordio: «Dare ai cittadini una giustizia giusta e veloce»

La più grave è De Angelis che è stata raggiunta da un proiettile alla testa: i medici del Sant’Andrea la sottopongono ad un delicato intervento chirurgico trasferendola poi nel reparto di rianimazione dove sta combattendo tra la vite a la morte.

Il piano di Claudio Campiti

Con il passare delle ore gli inquirenti hanno ricostruito il piano messo in atto da Campiti che in passato si è visto rifiutare la richiesta di porto d’armi proprio alla luce del contezioso, fatto di denunce incrociate, che da tempo andava avanti con Valleverde. Intorno alle 8.30 si è recato al poligono, ora finito sotto sequestro su disposizione della Procura.

Lì, dopo avere lasciato un documento di identità, si è fatto consegnare la pistola, una Glock e si allontanto. E’ salito a bordo dell’auto e dopo un percorso di circa 9 chilomentri ha raggiunto il gazebo dove era prevista l’assemblea dei consorziati. In totale sarebbero stati esplosi circa 4-5 colpi, tutti a distanza ravvicinata, a bruciapelo. «Sapevamo che aveva problemi, ma non pensavamo che arrivasse a tanto», racconta sotto shock un testimone.

La Procura contesta il triplice omicidio aggravato a Claudio Campiti

A tarda sera la Procura di Roma ha contestato il triplice omicidio aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi nei confronti di Claudio Campiti. Nel decreto fermo il pm Giovanni Musarò contesta inoltre il triplice tentato omicidio, in riferimento ai feriti, e il porto abuso di armi. Contestato anche il pericolo di fuga. L’indagato, infatti, aveva con sé al momento della sparatoria il passaporto e in uno zaino vestiti e sei mila euro in contanti. L’uomo è stato trovato in possesso complessivamente 170 proiettili e anche di un secondo caricatore. In base a quanto si apprende ha sparato sette-otto colpi, altri sette erano nel caricatore dell’arma e altri 155 gli sono stati trovati addosso.

La storia di Claudio Campiti

Claudio Campiti, che nel 2012 ha perso il figlio 14enne in un tragico incidente in montagna, in un blog aveva messo nero su bianco il suo ranconcore verso il Consorzio. «Benvenuti all’Inferno, qui con il codice penale lo Stato ci va al cesso, denunciare è tempo perso, so’ tutti ladri», scrive in un post del 2021. Un lunghissimo elenco di accuse agli altri consorziati che si concludeva con parole dal sapore tragicamente profetico: «Mi stanno tenendo senza pubblica illuminazione, si sa al buio si vede meno e si può sparare in tranquillità», scriveva dalla sua villetta sul lago, mai finita di costruire.

Potrebbe interessarti anche:

Pubblicità
Pastificio Setaro

Altri servizi

Napoli, tragedia a Poggioreale: carabinieri scoprono due persone senza vita

Un 70enne si sarebbe suicidato. Una 95enne morta nel suo letto Non si conoscono ancora i dettagli della tragedia che è avvenuta poco fa a...

Processo per la morte di Giuseppe e Tullio, il pm: «Non ci sono attenuanti che tengano»

Le richieste dei pm per la condanna di Vincenzo Palumbo I sostituti procuratori Daniela Varone e Luciano D’Angelo hanno chiesto l’ergastolo per l’autotrasportatore 53enne Vincenzo...

Ultime notizie

ilSud24

ilSud24.it si fonda su lettori come te
che leggono gratuitamente. Seguici sui social

Facebook