Castellammare, Patriarca (FI): «Allargare l’accordo porto Stabia-Pompei»

La deputata e capogruppo regionale: «Ingiusta estromissione della città dal piano turistico»

«Se rilancio turistico dev’essere, è giusto che inizi da Castellammare di Stabia». A dirlo è Annarita Patriarca, deputata di Forza Italia alla Camera e capogruppo azzurro nel consiglio regionale della Campania.

Pubblicità

«L’accordo tra il porto di Marina di Stabia e il Comune di Pompei, così come raccontato dai media in questi giorni, è certamente una interessante iniziativa di marketing territoriale, ma è incomprensibile che la città di Castellammare di Stabia, luogo in cui si trova il molo, sia stata del tutto estromessa dal programma».

«Castellammare e Pompei sono realtà interconnesse su più livelli, non ultimo quello archeologico e storico. Pensare di legare il brand degli Scavi a Stabia con una operazione a scavalco della città non è solo un errore di metodo, ma anche di merito. L’intera Castellammare ha tutte le potenzialità e le caratteristiche, anche dal punto di vista dell’hospitality, per rappresentare la porta d’ingresso di Pompei e per rafforzare, a sua volta, la propria identità e la propria vocazione turistica. Ridurre queste specificità a un accordo con una singola infrastruttura del territorio è un’occasione persa, e non certo per una mancanza di volontà da parte della città».

Pubblicità Federproprietà Napoli

«Ci sono, però, ancora modo e tempo per recuperare – conclude la Patriarca –. Anzitutto convocando un tavolo di confronto coi commissari prefettizi che, oggi, governano l’Amministrazione comunale e, loro tramite, studiare adeguate misure correttive per garantire pari dignità anche a Castellammare. Solo in questo modo, una buona idea diventerà un eccellente progetto».

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Furto con la tecnica della ruota bucata, tre arresti

Agnano, sono di Forcella e dei Quartieri Spagnoli. Due sono i nipoti dell’ex garante dei detenuti Pietro Ioia Derubano un automobilista dopo avergli forato lo...

Case occupate dal clan Contini, il suolo pubblico per la sauna della figlia di Bosti

Le sei abitazioni sgomberate al Rione Amicizia Sono riconducibili ai familiari di Patrizio Bosti, reggente del clan Contini, le sei abitazioni sgomberate oggi nel Rione...