Acerra, Gioventù Nazionale contro d’Errico: «Non disonori il milite ignoto»

Il 4 novembre scorso non si è svolta la commemorazione

Il circolo cittadino di Gioventù Nazionale Acerra, movimento giovanile di Fratelli d’Italia, attacca il sindaco Tito D’Errico per non aver commemorato il milite ignoto in occasione del 4 novembre. Proprio GN, con una breve cerimonia, aveva «rimediato» ponendo una corona di fiori sul monumento ai caduti sito a Piazzale Renella insieme ai dirigenti locali di FDI.

Pubblicità

Commenta l’episodio Maria Pia La Ventura, presidente di GN Acerra: «Ci dà amarezza constatare che le istituzioni locali abbiano totalmente ignorato la ricorrenza nazionale del 4 novembre. Il milite ignoto è memoria dell’enorme sacrificio che molti patrioti acerrani hanno dato alla Patria, e la negligenza dell’amministrazione d’Errico non può ripetersi. Chiediamo maggiore rispetto dei simboli nazionali. Con orgoglio abbiamo proseguito la tradizione che vede la giovane destra acerrana onorare i caduti»

Conclude Vincenzo Riemma, dirigente FDI Acerra: «Il monumento al milite ignoto è parte della storia della nostra città, ed onorarlo il 4 novembre è un dovere sentito. La superficialità di d’Errico, che ha completamente dimenticato questa ricorrenza, fa riflettere. Oggi, la statua sita a piazzale Renella giace in uno stato di degrado e ancora oggi il comune non si adopera per ripristinare le storiche targhe coi nomi dei nostri caduti. Chiediamo maggiore attenzione e rispetto verso la storia della città».

Pubblicità Federproprietà Napoli

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Raffaele Imperiale all’origine della fortuna degli Amato-Pagano

Il dossier semestrale della Dia: la figura del broker connota in senso globale la dimensione dei traffici illeciti L’analisi della Dia sullo stato della criminalità...

Prestiti a tassi tra il 40 e il 50%: sgombinata banda di donne nel Napoletano

Un’organizzazione a carattere familiare Avrebbero preteso, a fronte di prestiti in denaro, tassi usurai oscillanti tra il 40% e il 50% annuo, facendo leva sulle...