Ai domiciliari il «volto imprenditoriale» del clan Polverino: sequestrata una società

Indagini cominciate dopo il sequestro di un ingente patrimonio societario e immobiliare

Ai domiciliari il «volto imprenditoriale» del clan camorristico Polverino. Militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Dda partenopea, nei confronti di una persona ritenuta gravemente indiziata del reato di trasferimento fraudolento di valori aggravato dal fine di favorire gli interessi del clan camorristico Polverino.

Pubblicità

L’attività investigativa ha tratto origine da precedenti indagini che avevano portato al sequestro di un ingente patrimonio societario e immobiliare e all’affidamento dei beni alla gestione di un amministratore giudiziario. Oggetto del sequestro era stata, tra l’altro, una società titolare di un’attività di ristorazione di Marano, in provincia di Napoli. La società era stata successivamente affidata in gestione ad un’altra società, formalmente riconducibile a un soggetto incensurato.

Proprio con riferimento a tale «nuova» gestione, tenuto conto anche di un’interdittiva antimafia nel frattempo emessa dalla Prefettura di Napoli, il Nucleo di Polizia economico-finanziaria ha svolto ulteriori indagini finalizzate a verificare l’eventuale perdurante riconducibilità dell’attività economica al clan Polverino-Nuvoletta.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Dalle indagini sarebbe così emerso che la persona arrestata costituirebbe il «volto imprenditoriale» del clan camorristico Polverino. Contestualmente agli arresti domiciliari, è stato disposto il sequestro preventivo della società.

Setaro

Altri servizi

Napoli, il Comune ci riprova con la «Venere degli Stracci»

Sarà inaugurata il prossimo 6 marzo A volte ritornano! Il senso della frase è chiaro, ma non abbiate paura – almeno per il momento –...

Casamicciola, morte di Antonella Di Massa: tanti dubbi e incongruenze

La donna deceduta a meno di 24 ore dal ritrovamento Ecchimosi sul corpo e, lì vicino, forse in mano, una lattina o bottiglia di liquido...