Mamma e figlio costretti ad abbandonare la propria casa da persone vicine ai clan: 2 arresti

E’ accaduto a Scampia, periferia di Napoli

Sono stati costretti ad abbandonare l’abitazione dove vivevano, pur essendone legittimi proprietari. E’ accaduto a Scampia, periferia di Napoli. Due le persone arrestate, considerate vicino ad un clan: entrambe sono accusati di estorsione e lesioni aggravate dal metodo camorristico.

Pubblicità

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, dirette dalla Direzione distrettuale antimafia, i due uomini, Leopoldo Marino e Carmine Pandolfi, nel luglio 2021 si sono presentati più volte presso l’abitazione di un 27enne, allora sottoposto agli arresti domiciliari a Scampia, minacciandolo con il pretesto di ottenere la restituzione di un presunto debito contratto tempo prima, ma in realtà per costringere lui e la madre convivente a lasciare l’abitazione dove le due vittime risiedevano quali legittimi assegnatari.

Tre gli episodi estorsivi documentati, durante l’ultimo dei quali le vittime sono state costrette a consegnare agli indagati le chiavi dell’appartamento e a liberarlo immediatamente.

Pubblicità Federproprietà Napoli

Oggi i carabinieri della Stazione di Napoli Scampia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti dei due. Il provvedimento è stato notificato in carcere per Marino, già detenuto a Poggioreale per altra causa, mentre Pandolfi è stato condotto al carcere di Secondigliano.

Potrebbe interessarti anche:

Setaro

Altri servizi

Torre Annunziata, il Pd: «Sfregio a Siani, sottocultura della legalità è ancora forte»

Il circolo territoriale: «Solidarietà a Paolo Siani e alla famiglia» «Apprendiamo con grande stupore, quello che si è verificato, in un cinema del Vomero, dove...

Nave contro la banchina al porto di Napoli: 29 feriti

La nave forse spinta da una folata di vento Sono 29, uno in codice rosso, gli altri tutti in codice giallo o verde, i feriti...